Asta da record per “Meules” di Monet

Un'opera della serie "Les meules" di Monet è stata venduta all'asta da Sotheby's per più di un miliardo di dollari, stabilendo così un prezzo record

Monet da record (AdnKronos, Sotheby's)
Un'opera della serie "Les meules" di Monet è stata venduta all'asta da Sotheby's per più di un miliardo di dollari, diventando l'opera impressionista con il prezzo più alto mai pagato
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Un Monet da record quello che è stato venduto ad un’asta di Sotheby’s per 110.747.000 dollari. Si tratta di un’opera della serie “Haystacks”, “I covoni” dell’impressionista Claude Monet, e il suo prezzo ha battuto il precedente record della somma più alta mai pagata per un’opera di Monet. Non solo, è la somma più alta pagata in generale per un’opera impressionista.

L’opera non era mai stata messa all’asta dal 1986, ma ha superato di 44 volte il prezzo precedente. In otto minuti sono stati sei gli offerenti che si sono fatti avanti per comprarla.

ne parliamo in pausa pranzo

La serie “Les Meules”

La serie “I Covoni”, o “Les Meules”, fu iniziata da Claude Monet nel 1890 e terminata nel 1891, e si compone di 25 tele raffiguranti convoni di fieno di un campo vicino alla casa di Giverny dell’artista. La particolarità della serie sta nell’intenzione di ripetere lo stesso soggetto indagandone i mutamenti a seconda delle condizioni di luce e atmofera, e con il passare dei giorni anche dell’ambiente circostante e della prospettiva.

La storia del dipinto

L’opera da record è stata presentata per la prima volta insieme alle tele sorelle alla mostra del maggio 1891 galleria di Parigi Paul Durand-Ruel. Proprio il gallersita Durand-Ruel vendette l’opera nel 1892 al Bertha Honoré Palment, moglie di un ricco uomo d’affari. La donna aveva certo i mezzi per investire in opere d’arte, e fu lei a portare il quadro da record, insieme ad altre otto tele della serie, negli Stati Uniti. la signora Palmer rimase per tutta la vita una grande ammiratrice dell’arte di Monet, tanto da possedere anche quattro tele della serie dei pioppi, tre della cattedrale di Rouen e tre della mattina sulla Senna.

Commenta su Facebook
Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.