Banda dell’Esercito in concerto a Napoli per celebrare il 158° l’anniversario

Si è tenuto a Napoli il concerto della Banda dell'Esercito in occasione dell'anniversario numero 158. Un evento che ha messo in luce la varietà dei generi.

Concerto Banda Esercito Italiano - Antonella Bona
Concerto Banda Esercito Italiano - Antonella Bona

Dopo un relativo lungo periodo di assenza dai grandi palchi, finalmente la Banda dell’Esercito si è fatta rivedere. L’occasione è stata il 158° Anniversario della Costituzione dell’Esercito Italiano che, come il Capo di Stato Maggiore il Generale di Corpo d’Armata, Salvatore Farina ha detto, “è stato volutamente organizzato a Napoli”, al Conservatorio “San Pietro a Majella”.

Il repertorio suonato dalla Banda dell’Esercito

Non si può non dire che la Banda con questo tipo di organico, abbia suonato veramente bene con tutti, dicasi tutti i Professori d’Orchestra. Brani molto vari tra di loro, belli, di fascino, che hanno variato da contemporanei come John Williams, a Rossini, da Paisiello a brani di E.A. Mario, pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta, da Verdi ad una sublime e toccante “Napule è” di Pino Daniele cantata dal fratello Nello.

Bel programma ma soprattutto una conferma a ciò che pochi giorni fa, in una intervista su “Ci Siamo.info” ha rilasciato il Maestro Direttore della Banda della Marina Militare, il Capitano di Fregata Antonio Barbagallo, parlando della modalità di impiego di una Banda Istituzionale, dove si chiarifica che la Banda deve suonare in toto tutti i tipi di musica, non creando gruppi più o meno di piccolo organico secondo i vari generi musicali (ad esempio il jazz) ma lavorando su tutti i generi musicali con l’organico completo.

Il concerto

È ciò di cui siamo sicuri che la Banda dell’Esercito possa fare e ne ha dato prova con l’eccelsa prova del 6 Maggio a Napoli. Un concerto diretto magistralmente dal Maestro Maggiore Antonella Bona che – non ne avevamo dubbi – ha dato sfoggio di una maestria direttoriale a tal punto da definire – questo sì – un cambiamento epocale nella direzione di una Banda Istituzionale: unica donna in Italia, (e pensiamo in Europa) a dirigere una Banda Ministeriale. Speriamo che la Banda continui cosi, con il Maestro Bona, e che continui ad avere questo suono “epocale”.

Marco Vani
Marco Vani è lo pseudonimo di un esperto musicale che, dopo aver svolto attività giornalistica a livello internazionale, svolge attualmente un'altra professione e, per questo, preferisce firmarsi con un "nome d'arte". Profondo conoscitore della seconda arte, per CiSiamo.info recensisce concerti, spettacoli, film e tutto quanto ha la musica come oggetto.