Ecco l’ultima versione del modulo per l’autocertificazione

Ecco l'ultima versione del modulo per l'autocertificazione. E' anche decaduta la sanzione penale per gli inosservanti: ora ci sono 'solo' multe salate

Ecco l'ultima versione del modulo per l'autocertificazione. E' anche decaduta la sanzione penale per gli inosservanti: ora ci sono 'solo' multe salate
Ecco l'ultima versione del modulo per l'autocertificazione. E' anche decaduta la sanzione penale per gli inosservanti: ora ci sono 'solo' multe salate

Ecco l’ultima versione del modulo per l’autocertificazione. Il nuovo modulo per l’autodichiarazione per gli spostamenti durante le restrizioni per il coronavirus, necessario a spostarsi su tutto il territorio nazionale, è stato aggiornato per rispettare le ultime norme del governo tese a restringere ulteriormente gli spostamenti non indispensabili da parte dei cittadini.

Ecco l’ultima versione del modulo per l’autocertificazione

La principale novità è che al modello è stata aggiunta la motivazione di “assoluta urgenza” per i trasferimenti tra comuni diversi, che dunque non sono più permessi per motivi “di necessità”, come ad esempio fare la spesa. Ora la spesa va fatta nel comune in cui ci si trova. E’ stata anche eliminata la possibilità del “rientro nel proprio domicilio o residenza”, ragione per la quale non ci si può più spostare tra comuni: ciascuno deve rimanere dove si trova.

Quanto alle sanzioni per chi violi queste norme, il decreto approvato dal Cdm ieri prevede una novità: multe salate, da 400 a 3000 euro, ma decade la sanzione penale in base all’articolo 650 c.p., a proposito del quale molti, anche tra gli addetti ai lavori, avevano segnalato incongruenze giuridiche. Il modulo si può scaricare qui.