Coronavirus, a Massa Carrara nasce bambina sana da mamma positiva

La donna ha saputo di avere il Covid-19 dopo il parto: la bambina sta bene ed è in isolamento

Nasce bambina sana da mamma positiva
Foto: Pexels.com

A Massa Carrara nasce una bambina sana da una mamma positiva al Coronavirus. Un barlume di speranza in un periodo così delicato come quello che tutto il nostro Paese sta vivendo, chiamato a compiere importanti sacrifici per provare a fermare il contagio da Coronavirus. Il parto è avvenuto domenica presso l’ospedale della città toscana: a riferire l’accaduto sono stati i quotidiani locali, supportati dalle conferme della Asl Toscana Nord Ovest.

Nasce bambina sana da mamma positiva – La neonata in isolamento

La neo mamma è una trentenne, che ha saputo di avere contratto il Covid-19 solo subito dopo il parto. Inevitabilmente, appresa la notivia, i medici hanno provveduto a sottoporre al tampo anche la bimba, ma lei è risultata negativa.

La neonata, secondo quanto riferisce il Tirreno, sta bene: è ospitata in neonatologia, in isolamento, ma è risultata negativa al tampone, almeno finora. La donna è stata invece trasferita nel reparto di malattie infettive per essere sottoposta a tutte le cure ed essere monitorata costantemente per capire se possano emergere altri sintomi.

Per l’intero reparto di ostetricia sono state ore impegnative, come riferisce il dottor Roberto Marrai che lo dirige: “Quando la paziente è arrivata non stava male, ma alcuni sintomi ci hanno spinto a richiedere da subito una consulenza infettivologica. Il tampone ha confermato la positività. Tutto è avvenuto garantendo la sicurezza delle altre ospiti del reparto e del nostro personale a cui va il mio plauso per l’infinita abnegazione”.

Ad assistere la mamma la responsabile ostetrica Elisa Bruschi, la ginecologa Giovanna Casilla e l’ostretrica Francesca Vitale: “Francesca – spiega Marrai – meriterebbe un encomio. Completamente protetta, è rimasta accanto alla donna per 7 ore, non si è allontanata un attimo. E lavorare sette ore, per assistere una partoriente, con i dispositivi di protezione, è davvero dura”. L’allerta resterà quindi massima anche nei prossimi giorni: il ritorno a casa sarà possibile solo quando le condizioni fisiche della mamma lo permetteranno.