Coronavirus, chiusi i centri anziani a Roma fino al 15 marzo

Il Consiglio dei Ministri, seguendo le indicazioni della Commissione scientifica, ha ribadito come chi non è più giovanissimo sia più a rischio contagio

anziani
Foto: Pixabay

Ridurre gli spostamenti al minimo, evitare i luoghi affollati massima attenzione all’igiene: queste sono le indicazioni principali che negli ultimi giorni abbiamo sentito ripetutamente e da più fonti da adottare come precauzione per evitare il contagio da Coronavirus. I più a rischio sono certamente gli anziani, che dovrebbero essere ancora più ligi nell’applicazione di queste norme.

Nasce proprio in questa direzione la decisione presa da Virginia Raggi: il sindaco di Roma ha infatti chiuso tutti i centri anziani presenti nel territorio di Roma capitale fino al 15 marzo per poter provvedere agli interventi di sanificazione degli ambienti.

Massima attenzione agli anziani

“Nell’ambito delle misure per il contrasto del diffondersi del virus COVID-19, è stata predisposta la chiusura temporanea di tutti i Centri Anziani sul territorio di Roma Capitale al fine di provvedere ai capillari interventi di sanificazione degli ambienti dove si svolgono le attività dei Centri stessi” – si legge nell’ordinanza emessa dal Comune di Roma proprio in queste ore.

Il provvedimento potrà risultare sfavorevole per i tanti anziani che spesso decidono di trascorrere qualche ora in compagnia in strutture come queste in cui sono assistiti da personale qualificato, ma si rivela necessario in considerazione della situazione che stiamo vivendo.

Si seguono così le indicazioni date dal Consiglio dei Ministri, che ritiene che gli anziani siano una delle categorie più a rischio per i Covid-19.

“Si è ritenuto dunque necessario – prosegue il Campidoglio – attivare idonee misure straordinarie di limitazione delle attività”. L’Amministrazione Capitolina “ha disposto di incaricare tutti i Municipi capitolini di provvedere a comunicare l’ordinanza a ciascun Coordinatore municipale a tutti i Presidenti dei Centri Sociali Anziani presenti sul territorio”