Bambino scomparso nel ’77, forse c’è la svolta: indagato presunto pedofilo

Un bambino scomparso nel 1977. Un'indagine che sembrava archiviata adesso è ad una svolta importante: è accusato di omicidio e occultamento di cadavere un uomo di 69 anni.

Mauro Romano: il bambino scomparso nel leccese. Foto Leccenews

A 43 anni dal fatto, forse c’è una svolta per la tragica storia del piccolo Mauro Romano, il bambino rapito e scomparso a sei anni da Taviano, piccolo comune in provincia di Lecce. Il caso, naufragato più volte in questi ultimi 40 anni, potrebbe essere riaperto ed avere una svolta dopo che in questi giorni un uomo di 69 anni è stato arrestato per pedofilia su un gruppo di ragazzini tra gli 11 e i 14 anni.

La scomparsa di Mauro Romano: i fatti

La tragica storia del piccolo Mauro è uno dei gialli mai risolti nel nostro Paese. Mauro ha sei anni nel ’77, è il secondo di quattro figli di Bianca Colaianni e Natale Romano, entrambi testimoni di Geova. Scompare nell’estate del 1977, mentre giocava fuori dalla casa dei nonni.

Inizialmente la famiglia pensa ad un rapimento per estorsione. Ma i Romano non sono una famiglia facoltosa. Tuttavia, proprio in quei giorni chiama la famiglia un uomo che chiede 30 milioni in cambio del piccolo. La polizia riesce ad identificarlo e lo arresta per estorsione aggravata. Nel 1998 un ulteriore svolta nei fatti: un amico della coppia è accusato di aver prelevato il bambino mentre stava giocando a nascondino. I Romano però non sporgono denuncia, perché l’amico (che nega tutto) è un testimone di Geova e “la nostra religione non consente a un fratello di portare a giudizio un altro fratello”, dichiarano. E’ un altro buco nell’acqua.

Lo scorso anno, dopo 43 lunghi anni di attesa e due terribili inchieste, le ossa di un bambino sono state ritrovate infondo ad un pozzo, a pochi chilometri dall’abitazione dei nonni. Ed esce fuori un’altra drammatica notizia: gli abusi su 18 ragazzini, perpetrati da un uomo. Quell’uomo è S.A., 69 anni, è l’uomo condannato per la tentata estorsione nel confronti dei Romano. Si cercano adesso i legami tra le due storie.

Bambino scomparso nel ’77: un uomo è ora accusato di omicidio e occultamento di cadavere

S.A. è ora accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere aggravati dalla minore età della vittima. Il riserbo in queste ore è massimo. E dai genitori del bambino ci si aspetta, proprio in questi giorni, l’aggiunta di qualche altro tassello per unire tutti i pezzi del puzzle. “Vogliono raccontare al pm qualcosa in più che all’epoca non hanno detto, per paura, per timore o forse perché praticavano una religione, quella dei Testimoni di Geova, da cui poi si sono dissociati”, ha annunciato due giorni fa al fattoquotidiano.it il loro legale.