La PlayStation 5 arriva a Natale del 2020, ecco cosa sappiamo oggi

Clicca qui per ascoltare l'articolo

Ieri Sony ha annunciato così, di botto, come direbbero gli sceneggiatori di Boris, che la sua console di prossima generazione si chiamerà PlayStation 5 e uscirà a Natale del 2020. Ovviamente la notizia era già nell’aria, ma le conferme ufficiali fanno sempre piacere.

La società ha inoltre annunciato diverse modifiche che verranno apportate al controller con l’arrivo di PlayStation 5. Il più importante è senza dubbio la sostituzione dell’attuale tecnologia di vibrazione del controller che Sony utilizza dalla PlayStation originale in favore di un nuovo sistema di feedback tattile che promette di offrire una gamma più ampia di interazioni.

L’altro grande cambiamento di cui Sony sta parlando in queste ore è una tecnologia di “grilletti adattivi”, che andrà a cambiare il modo in cui si comporteranno i tasti R2 e L2. Secondo Sony, gli sviluppatori saranno in grado di programmare la resistenza dei grilletti, permettendo, ad esempio di percepire l’aumento della tensione mentre si tende un arco, si preme un grilletto o dà di gas su un terreno sconnesso.  Il tutto pare non troppo dissimile da un brevetto che Microsoft ha registrato all’inizio di quest’anno e che descriveva in dettaglio un sistema di feedback variabile pensato per un ipotetico futuro controller Xbox. Tuttavia al momento Microsoft non si è sbottonata in merito al futuro sistema di controllo di Scarlett ne ha commentato la tecnologia di Sony.

L’edizione americana di Wired ha avuto un accesso esclusivo all’attuale prototipo della console, che poi è quello con lo strano design che era apparso qu alche settimana fa. Il pad sembra molto simile a quello della PS4, ma con una USB-C, una batteria più longeva e altoparlanti migliorati.

Facendo quattro chiacchiere con Wired Jim Ryan, attuale CEO di Sony Interactive Entertainment, e Mark Cerny, colui il quale ha progettato la PlayStation 5, hanno fornito ulteriori dettagli sull’hardware in arrivo, confermando il supporto della tecnologia ray-tracing nella GPU e scongiurando eventuali scappatoie di sorta per emulare questa tecnologia in grado di mostrare effetti di luce mai visti.

Per quanto riguarda i supporti, PlayStation 5 userà dischi Blu-ray da 100 GB con installazione obbligatoria del software sull’hard disk a stato solido interno. L’SSD estremamente veloce era già emerso tra le caratteristiche più interessanti della nuova console e dovrebbe garantire una fluidità di aggiornamento e accesso ai dati mai vista. L’installazione obbligatoria sarebbe dovuta proprio alla necessità di sfruttare l’incredibile velocità di accesso dell’hard disk, ben superiore a quella del disco. Per venire incontro all’utenza che vuole giocare il prima possibile, Sony pensa di dare la possibilità di far installare solo ciò di cui si ha bisogno, ad esempio separando la parte multiplayer di un gioco da quella single player. In questo modo una volta finita la campagna del prossimo Call of Duty sarà possibile eliminare quei file tenendo solo il multiplayer e risparmiare spazio.

Un’altra novità di PS5 è una interfaccia utente completamente rinnovata che mostrerà funzionalità social molto più dettagliate nella schermata principale. Sony promette che l’utente sarà in grado di vedere  e lanciare sezioni specifiche di un gioco, come un livello in single player particolarmente amato o una partita multiplayer, direttamente dalla schermata principale, invece di dover prima avviare il gioco e poi navigare nei suoi menù interni.

Tutte queste informazioni si uniscono ai dettagli esistenti che Sony ha già rivelato all’inizio di quest’anno, come la CPU a otto core (che sarà basata sulla linea Ryzen di terza generazione di AMD) e la GPU personalizzata basata sull’hardware Radeon Navi di AMD, un fantomatico audio 3D, il supporto per i giochi 8K (così come per i giochi 4K a 120Hz), un’opzione di consumo energetico molto più bassa, compatibilità con le versioni precedenti di PS4 e SSD ultraveloce.

Ci sono ancora molte cose che non sappiamo, ovviamente: quanto spazio di archiviazione offrirà Sony? Ci sarà la VR e come? Come sarà fatta la console e, soprattutto, quanto costerà? 400 euro? 500?  Con una data di uscita non così lontana come può sembrare state certi che presto ne sapremo di più.