Reddito di cittadinanza a ex brigatista: la rabbia della vedova D’Antona

Olga D'Antona, la vedova del giuslavorista Massimo ucciso nel 1999, ha commentato con fermezza la decisione riguardante il Reddito di cittadinanza.

Reddito di cittadinanza a ex brigatisti, la presa di posizione della vedova D'Antona
Reddito di cittadinanza a ex brigatisti, la presa di posizione della vedova D'Antona (foto AdnKronos - Ipa)

Olga D’Antona, la vedova del giuslavorista e consigliere del Ministero del Lavoro ucciso nel 1999, si è detta profondamente rammaricata per la questione sul reddito di cittadinanza in favore di ex brigatisti. La notizia dell’aiuto economico in favore dell’ex terrorista Federica Saraceni, condannata a 21 anni e sei mesi per l’omicidio D’Antona, ha scatenato non poche polemiche. «Ho provato stupore e turbamento. Non contesto la legge sul reddito di cittadinanza di contrasto alla povertà, ben venga, ma che venga usata in questo modo…significa che c’è qualcosa che non va».

Reddito di cittadinanza, la vedova D’Antona lancia un appello

«Mi auguro che Governo e Parlamento – dichiara la moglie di Massimo D’Antona – trovino modo di fare delle modifiche. Ci sono persone molto più bisognose del reddito di cittadinanza di chi è ai domiciliari e non ha finito di scontare la sua pena. Non tutto ciò che è legale è giusto».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.