Offese su un gruppo Whatsapp: entra in campo e spara

Erano state fatte offese su un gruppo Whatsapp nei suoi confronti, e per questo un 48enne ha aperto il fuoco contro chi lo aveva insultato

Offese su gruppo Whatsapp, entra in campo e spara
Offese su gruppo Whatsapp, entra in campo e spara

Erano girate offese su un gruppo Whatsapp, su di lui, e così un 48enne ha aperto il fuoco per vendicarsi. L’episodio è accaduto a San Cipriano d’Aversa, causato da presunte offese che il 48enne avrebbe ricevuto su un gruppo Whatsapp. E così ha deciso di non farla passare liscia a colui che lo avrebbe insultato.

La reazione alle offese su un gruppo Whatsapp

L’uomo ha quindi preso la pistola che aveva a casa e si è recato sul campo di calcetto dove stava giocando l’altro ha fatto fuoco. Ma non ha centrato il bersaglio. A finire all’ospedale è stata invece una terza persona, che era intervenuta a fare da paciere. Ora la vittima, colpita all’addome, è ricoverata in prognosi riservata alla clinica Pineta Grande di Castel Volturno.

L’aggressore invece è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di tentato omicidio, e nelle prossime ore si deciderà se confermare o meno il fermo. I carabinieri hanno anche sequestrato l’arma con cui il 48enne ha fatto fuoco. Si tratta di una calibro 7.65, con la matricola abrasa.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.