Migranti costretti a scendere dal bus nonostante l’abbonamento

Il Consigliere comunale di Benevento, Delia Delli Carri, ha dichiarato che dei ragazzi migranti sarebbero stati costretti a scendere dall'autobus.

Migranti, Parlamento Ue boccia testo
Decreto sicurezza

Il Consigliere comunale di Benevento, Delia Delli Carri, ha denunciato un grave episodio andato in scena nella sua città. Dei ragazzi di colore, migranti, sarebbero, a suo dire, stati oggetto di una pesante discriminazione da parte della ditta che gestisce il servizio. Delli Carri ha dunque chiesto all’Assessore competente del Comune di indagare affinché si «accerti i fatti contestati e si impegni affinché non si ripetano più.»

Migranti costretti a scendere dal bus nonostante l’abbonamento

«In questi giorni – ha dichiarato Delli Carri – ho avuto notizia del ripetersi di comportamenti non chiari nei confronti di giovani immigrati sugli autobus di linea urbani. I ragazzi, seppur muniti di regolare abbonamento, sono stati costretti dal personale a scendere dall’autobus. Addirittura è stato loro impedito di salire senza neppure verificare se fossero in possesso del biglietto/abbonamento. In un caso l’autobus non ha rispettato la fermata per non far salire i giovani».

«La vicenda – conclude – è stata già denunciata da alcuni cittadini, non solo testimoni diretti ma vittime essi stessi di tali atti. Purtroppo non vi è stata alcuna reazione. L’iniziativa serve ad evitare che si consolidi un clima di caccia alle streghe che non qualifica la nostra comunità e che nuoce profondamente le relazioni sociali. Attendo fiduciosa una risposta che sgomberi il campo da ogni incertezza sulla corretta e indiscriminata gestione del servizio pubblico.»

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.