Spara ai genitori e poi si suicida in Trentino

Un uomo spara ai genitori e poi si suicida: è accaduto in Trentino, dove il figlio 45enne ha ucciso i coniugi Pancheri e poi si è ucciso lui stesso

Ragazza muore impiccata al cancello di casa
Ragazza muore impiccata al cancello di casa

Un uomo spara ai genitori, poi si suicida. È quanto accaduto a Romallo, in Trentino, dove un 45enne ha sparato ai genitori ultrasettantenni, uccidendosi poi con la stessa pistola che aveva appena usato.

L’omicidio-suicidio si sarebbe consumato nella mattina del 10 agosto, nell’appartamento di via Agosti dove vivevano i coniugi Pancheri. I tre corpi senza vita sono stati ritrovati dalla sorella della donna uccisa. La quale si era recata a casa loro perché non aveva più avuto notizie della famiglia. Che tra l’altro era anche molto conosciuta in valle.

Ora i carabinieri tenteranno di ricostruire l’accaduto. E soprattutto, il perché il figlio, trasferitosi a Milano per lavoro da anni, abbia deciso di compiere un atto simile.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.