Luca Traini, parla il legale: «Non si faccia troppe speranze»

Il legale di Luca Traini, Gianluca Giulianelli, ha commentato la richiesta relativa alla concessione degli arresti domiciliari.

Luca Traini
Luca Traini
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Gianluca Giulianelli, il legale di Luca Traini, ha dichiarato all’AdnKronos quanto riferito al proprio assistito. «Ho visto Luca Traini una settimana fa, gli ho detto di non farsi troppe speranze. Ci sono tante ragioni che spingono verso l’accoglimento della nostra richiesta dei domiciliari ma tante altre di carattere giuridico perché sia respinta». L’uomo è stato condannato in primo grado a 12 anni di reclusione. Fu l’autore di una sparatoria il 3 febbraio 2018. In quella circostanza rimasero ferite sei persone di colore.

La vicenda di Luca Traini

Gli arresti domiciliari erano stati chiesti dal proprio legale. La Corte di Assiste ha respinto l’istanza: da qui la decisione di rivolgersi al Tribunale del Riesame di Ancona. «Il clamore mediatico ha alzato l’asticella – commenta Giulianelli -. Mi aspetto però che le norme processuali vengano applicate. Non ci sono elementi per ritenere pericoloso il mio assistito, o meglio si può far scontare la pena anche ai domiciliari con il braccialetto elettronico».

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.