Raid punitivo in un campo rom, arrestato 61enne

Un uomo, un agricoltore, di 61 anni è stato arrestato nel bresciano dopo essersi reso protagonista di un raid punitivo in un campo rom.

Raid nel campo rom, arrestato 61enne
Raid nel campo rom, arrestato 61enne
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Un uomo, un agricoltore, di 61 anni è stato arrestato nel bresciano dopo essersi reso protagonista di un raid punitivo in un campo rom. Ora dovrà rispondere delle accuse di tentato omicidio e incendio, reati aggravati dall’odio razziale. L’uomo è stato ritenuto responsabile, infatti, di un attacco al campo nomadi tra Bedizzolle e Lonato, avvenuto il 2 gennaio 2019.

Il 61enne ha dato prima fuoco al camper dove viveva la famiglia di origine sinti. Poi ha preso di mira il capofamiglia, sparandogli addosso qualche colpo senza riuscire a colpirlo. L’agricoltore è stato arrestato e si trova in carcere. Davanti agli inquirenti si sarebbe giustificato asserendo di essere stanco di subire furti nella sua tenuta agricola e considerava i nomadi responsabili.

Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.