Vacche sacre della ‘ndrangheta, Bonfà: “Minacciano anche un sito archeologico”

Le vacche sacre sul terreno di Bonfà
L'imprenditore Bruno Bonfà, che ha già denunciato le intimidazioni nei suoi confronti da parte della 'ndrangheta, torna a parlare della sua situazione

Continua ad aggravarsi la situazione di Bruno Bonfà, imprenditore calabrese che continua a subire intimidazioni da parte della ‘ndrangheta. Come già raccontato da CiSiamo.info, i suoi terreni vengono danneggiati di continuo tramite l’introduzione delle cosiddette “vacche sacreall’interno della sua azienda, sita sul territorio di Caraffa del Bianco e Samo, in provincia di Reggio Calabria. Vengono abbattute le recinzioni e tagliato il filo spinato. In questo modo gli animali entrano e rovinano il raccolto. Ora lo stesso Bonfà torna a denunciare la situazione, sottolineando che viene danneggiata anche un’area di interesse archeologico, di cui parte è nel suo terreno.

“I relativi procedimenti penali vengono proposti, nel tempo, all’archiviazione” racconta Bonfà. “Pur trattandosi di mafia, nessuna informativa riferisce che tali fenomeni e azioni sono dovute alla ‘ndrangheta”, spiega.

Le intimidazioni verso Bruno Bonfà

Bonfà porta avanti l’azienda di famiglia dopo l’assassinio del padre, morto in circostanze mai chiarite, ma riconducibili al metodo mafioso. La sua azienda agricola è leader in Italia per le culture di bergamotto e uliveti consociati. “La salvaguardia di queste ‘vacche sacre’ – continua Bonfà – è stata garantita da una riunione convocata a suo tempo (2010 ndr) dal Comandante del CFdS, in cui era presente un rappresentante di un gruppo criminale mafioso. In questa riunione è stata decisa la sospensione dell’abbattimento o della cattura di queste ‘vacche sacre’“.

Il danno per la sua azienda, denuncia Bonfà, ammonta a oltre un milione di euro. “Solo negli ultimi tempi, sono state danneggiate o distrutte almeno 1500 piante, inerenti alla colture di bergamotto e olivicole”.

La richiesta di Bruno Bonfà

Così Bruno Bonfà si appella di nuovo alle autorità perché lo aiutino nella sua difficile situazione. Ha chiesto aiuto al Presidente della Repubblica, al Ministero dell’Interno e al Procuratore Nazionale Antimafia. Adesso, tuttavia, il suo appello è rivolto anche al Ministero dei Beni Culturali, proprio in virtù del fatto che le ‘vacche sacre’ starebbero minacciando adesso anche un sito archeologico e non solo la sua proprietà.

Alle autorità competenti, Bonfà, tra le altre cose, richiede un atto di giustizia in riferimento “alla gestione dei sequestri di persona dell’epoca, all’assicurazione delle responsabilità dei carabinieri implicati a quella gestione unitamente alla mafia in tutte le relative correlazioni e implicazioni”.

Fabrizio Capecelatro
Sono nato a Milano nell’emblematica data 09/09/90. Napoletano di origini e di "spirito", è alla città partenopea che rivolgo gran parte della mia attenzione di giovane giornalista. Sono autore dei libri "Lo Spallone – Io, Ciro Mazzarella, re del contrabbando", edito da Mursia nel 2013; "Il sangue non si lava – Il clan dei casalesi raccontato da Domenico Bidognetti", edito da ABEditore nel 2017, e "Omissis 01 – La vera storia di Rosa Amato: camorrista per vendetta, pentita per amore", edito da Tralerighe nel 2018.