Agguato a Napoli, il servizio del Tg2 in Vigilanza Rai

Agguato a Napoli in piazza Nazionale, il servizio del Tg2 su Armando Del Re finisce in Vigilianza Rai perché giudicato "vergognoso" dal senatore Cinquestelle Alberto Airola

Servizio tg 2
Agguato a Napoli in piazza Nazionale, Il servizio del Tg2 su Armando Del Re finisce in Vigilianza Rai
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Un servizio del Tg2 dai toni che non sono piaciuti al Movimento 5 Stelle, e così il caso finisce in Vigilanza Rai. A presentare un’interrogazione in Vigilanza è il Senatore Alberto Airola, che sul suo profilo facebook definisce “vergognoso” il servizio sul killer accusato dell’agguato in piazza nazionale del 3 maggio.

Il servizio del Tg2

Il giornalista definisce Armando Del Re come un “killer di serie C”, che nemmeno è capace di “portare a termine la sua missione di morte”. E che per “codice d’onore delle mafie” avrebbe dovuto costituirsi per aver fatto una “fesseria“. Perché “uno così è vuoto a perdere anche per la camorra”.

ne parliamo in pausa pranzo

La contestazione di Alberto Airola

“Sembra scritto da uno che pensa ci sia una camorra ‘giusta’ che ha delle regole ‘buone’ e una ‘sbagliata’. Inaudito e vergognoso questo servizio. Non esistono codici d’onore. Non esiste una mafia buona e una cattiva. La mafia uccide e basta, se capita un bambino poco importa, dovrebbe saperlo il giornalista, visto che sono stati sciolti nell’acido dei bambini”. Soggiunge Airola all’AdnKronos. Il servizio pubblico chieda immediatamente scusa per questo orrore e provveda a sanzionare il giornalista”, chiede poi il senatore pentastellato.

La risposta del direttore del Tg2

Immediata la risposta del direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano: “L’intenzione del pezzo era di ferma, categorica e imprescindibile lotta alla mafia. Per me la lotta a tutte le mafie è una grande priorità assoluta”. E aggiunge: “La storia professionale di Francesco Vitale, autore del servizio, da sempre impegnato in una strenua lotta antimafia, parla più di ogni altra cosa”.

Commenta su Facebook
Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.