Cuoce strudel e manda in fumo 40mila euro, il compagno li aveva nascosti nel forno

Una vicenda emersa durante il processo. Il protagonista è un imprenditore accusato di riciclaggio di denaro sporco ed evasione fiscale.

Sgominato traffico di droga (foto di repertorio)

Una donna ha mandato in fumo 40mila euro in contanti per cuocere lo strudel: la somma risulta essere provento dell’attività di riciclaggio di denaro sporco. All’interno del forno, infatti, erano nascosti i soldi. La vicenda è stata riportata dai quotidiani locali a Padova. L’episodio è emerso durante il processo nei confronti dell’imprenditore di San Donà di Piave (Venezia) Alberto Vazzoler. L’uomo è accusato di evasione fiscale.

Riciclaggio di denaro sporco, la dinamica

Avrebbe evaso il fisco riciclando del denaro per un somma pari a 40milioni di euro. La colpevole del rogo è stata la fidanzata che, durante un’intercettazione telefonica con la sorella, ha dichiarato di non essersi accorta dei contanti durante la cottura del dolce. Secondo le indagini della Guardia di Finanza, le dichiarazioni di Silvia Moro, compagna di Vazzoler, sarebbero la conferma della presenza di denaro contante in casa. Una modalità di occultamento perpetrata onde evitare eventuali sopralluoghi delle Fiamme Gialle.

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.