Imane Fadil morta: era test del processo Ruby

Imane Fadil è morta e potrebbe essere stata avvelenata. La giovane modella marocchina aveva presentato la richiesta di essere parte civile nel processo Ruby Ter.

Imane Fadil
Imane Fadil
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Imane Fadil è morta dopo un ricovero all’ospedale Humanitas di Milano. La giovane modella marocchina aveva presentato la richiesta di essere parte civile nel processo Ruby Ter. Tra gli imputati del processo c’è anche l’ex Premier Silvio Berlusconi. Secondo una prima ipotesi, potrebbe essere morta per avvelenamento. Una rivelazione fatta dalla stessa modella, teste chiave nei processi Ruby, sia all’avvocato che al fratello. Sulla morte indaga la procura di Milano. Per il momento si apprende che è stato aperto un fascicolo per omicidio.

Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.