Blitz anticorruzione a Taranto: arrestato ex Presidente della provincia

Blitz anticorruzione a Taranto, in cui sono state eseguitr misure cautelari per sette persone tra cui anche l'ex Presidente della provincia

Auto carabinieri
Maxi sequestro a Roma del "tesoro" da 30 milioni di euro dei Casamonica
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Blitz anticorruzione a Taranto, che ha portato all’arresto di sette persone. Tra loro, l’ex Presidente della provincia di Taranto. I militari della Guardia di Finanza hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, oltre che nei confronti dell’ex Presidente, anche di un dirigente dello stesso ente, del Presidente e di un membro della Commissione di gara per la raccolta di rifiuti solidi urbani di un comune della provincia di Taranto. Finiti in manette anche due imprenditori attivi nel settore della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti e il Procuratore speciale di una società che gestice una discarica nel comune di Grottaglie.

Le misure cautelari

Quattro delle misure cautelari prevedono la custodia in carcere, le altre tre invece i domiciliari. L’indagine per i reati di corruzione e turbata libertà degli incanti riguarda, in particolare, l’iter amministrativo per la concessione dell’autorizzazione all’ampliamento della discarica di Grottaglie.

Le indagini

Le indagini hanno fatto emergere che l’ex Presidente della Provincia, Martino Carmelo Tamburrano ( Forza Italia), già sindaco di Massafra, avrebbe fatto parte di un gruppo che avrebbe tratto notevoli guadagni indebiti attraverso atti corruttivi.

La vicenda

La società proprietaria della discarica di Grottaglie aveva terminato la sua attività di raccolta poichè il sito era ormai colmo. Ad agosto del 2017 la Provincia di Taranto aveva respinto la richiesta di ampliamento.

Ma il procuratore legale della società che si occupa di rifiuti, sfruttando i buoni uffici di un imprenditore di San Marzano di San Giuseppe, avrebbe iniziato a tessere stretti rapporti illeciti con il Presidente della Provincia. Il motivo era appunto spingerlo a valutare nuovamente la richiesta di ampliamento. Così, l’ex Presidente si sarebbe adoperato attivamente per nominare un nuovo comitato tecnico e un dirigente del Settore Ambiente compiacente. I pubblici ufficiali, in cambio dell’appoggio all’ampliamento, avrebbero ricevuto denaro e altre utilità, tra cui i fondi per finanziare la campagna elettorale al Senato della moglie di Tamburrano.

Commenta su Facebook
Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.