Emanuela Tittocchia confessa: “Mi sono innamorata di un 11enne, spesso dormiamo insieme”

A Mattino 5 si è scelto di dare spazio a un racconto di Emanuela Tittocchia che ha sconvolto i telespettatori: "Mi sono innamorata di questo ragazzino, in un certo senso".

Emanuela Titocchia
Emanuela Titocchia
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Da molti giorni un caso è al centro delle cronache. Quello di una professoressa che è rimasta incinta dell’alunno. Eppure ecco il nuovo colpo di scena, il nuovo materiale per le pagine scandalistiche e di cronaca. A Mattino 5 si è scelto di dare spazio a un racconto dell’attrice Emanuela Tittocchia che ha sconvolto i telespettatori: “Mi sono innamorata di questo ragazzino, in un certo senso”.

Per molti potrebbe essere una notizia di gossip, ma in realtà noi ci interroghiamo se non abbia risvolti più legati alla cronaca. Infatti, ci domandiamo se le sue parole, parole uscite dalla bocca di una vip, una che ha un forte “seguito”, possano in qualche modo influenzare, o meglio legittimare episodi di cronaca come quello di Prato.

ne parliamo in pausa pranzo

Il racconto di Emanuela Tittocchia

“C’è una cosa che mi ha stranito. So che hai un rapporto particolare con un ragazzino che aveva 11 anni quando lo hai conosciuto”. Aveva introdotto l’argomento Federica Panicucci. Ma non si sarebbe mai aspettata di ricevere la risposta che poi ha ricevuto.

La Tittocchia infatti racconta: “Per me è difficile parlare di questa cosa perché il limite è sempre molto sottile. Mi sono sentita dire cose spiacevoli e pesanti. Il mio parrucchiere è di Napoli. Ho conosciuto la moglie e ho conosciuto il figlio. Mi sono innamorata di questo ragazzino, in un certo senso. Quando vado giù in vacanza dormiamo insieme. Quello che mi piace di più è il fatto che io stia benissimo con lui. Non c’è alcuna complicazione”.

La Panicucci, stupita, ricorda che dietro le quinte lo ha descritto come il suo uomo ideale. La Tittocchia allora prova a frenare:  “Sì, mi piacerebbe fosse così perché è pieno d’amore, mi dà tantissimo, con lui sto benissimo. È piccolo, lo so, e per me è difficile parlarne. Mi sono confrontata anche con sua madre e loro sono tranquilli.”

“Da lui ho sentito certe cose che riguardano la sfera sessuale”

E non è finita: “Da quando ho sentito dire certe cose da lui che riguardano la sfera sessuale, ho evitato di andare da loro (dai genitori). Parla di questo argomento come un adulto. È molto difficile da spiegare, però lui non mi vede in quel modo. Mi parla delle sue fidanzate, ma lui sa tutto, quando ne parliamo mi rendo conto che sa tutto di sesso. Non so perché ne parli con me, ne parla con tutti”. 

Boom! Gelo in studio, I presenti sono attoniti. Cecchi Paone, basito, esclama: “Perdonami, ma è piccolo”.

La Titocchia allora prova a rimediare e allo stesso tempo a spiegare meglio quello che vuole dire (senza però dissipare alcun dubbio). “Mi piacerebbe che il mio uomo ideale fosse generoso, puro e spontaneo come lui. Non sono innamorata di lui, ma ci sto bene. Capisco che sia strano da capire. Mi dà consigli, mi parla, è più adulto di me su certe cose”

Infine prova a fare un altro passo indietro: “È da tanto che non ci vediamo perché lui sta crescendo e ho fatto dei passi indietro. Non ci scriviamo ma prima quando mi arrivavano i suoi messaggi mi faceva molto piacere”.

Apriti cielo. Adesso la Titocchia è finita in una bufera da cui è molto difficile uscire, se non impossibile.

Se lo avesse fatto un uomo?

Le dichiarazioni sono di per sé agghiaccianti. E ci si chiede, se la stessa cosa l’avesse detta un uomo, cosa sarebbe successo?

Se un uomo avesse detto di essersi innamorato di una 11enne, di dormirci assieme, di scambiarci messaggi, di parlare di sesso, sarebbe passato inosservato?

Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.