“Donne fertili o inutili”, bufera su assessore di Castiglione

Bufera su un assessore comunale di Castiglione delle Stiviere. La sua frase "si nasce uomini o eunuchi, si nasce donne fertili o inutili" ha fatto scoppiare una polemica vivissima.

Manilo Paganella
Manilo Paganella
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Bufera su un assessore comunale di Castiglione delle Stiviere. La sua frase “si nasce uomini o eunuchi, si nasce donne fertili o inutili” ha fatto scoppiare una polemica vivissima che in queste ore sta spingendo il sindaco a valutare se ritirare le delega al membro di giunta. Lui è Manlio Paganella, che a Castiglione ha la delega alla Cultura.

L’episodio

L’episodio che lo vede coinvolto direttamente è da contestualizzare. L’amministratore del Mantovano stava rispondendo in sede di Consiglio comunale a un’altra serie di polemiche, innescate dalla sua partecipazione alla presentazione di un controverso libro, “Compagno Mitra”.

ne parliamo in pausa pranzo

Quel volume, palesemente agiografico nei confronti dei toni più truci del Ventennio fascista, era diventato un po’ la pietra dello scandalo e l’assessore stava (legittimamente) chiarendo la sua posizione; non bisogna dimenticare che in materia di libri e cultura ogni censura risponde esattamente alle logiche che poi si vorrebbero denunciare e che un serio e civile confronto in assise civica ha una sua ragione etica a prescindere dall’oggetto dello stesso.

La decisione del Sindaco

Paganella ha però esagerato e portato i toni dello scontro su un piano molto meno “speculativo” con la polpa della sua difesa, riassunta da una frase lapidaria quanto agghiacciante: contrattaccando alle critiche e indirizzando strali contro chi aveva censurato la sua condotta aveva detto pubblicamente, nella sede della civica assise che “si nasce uomini o eunuchi, si nasce donne fertili o inutili”.

Le due consigliere del Pd che in quel momento incarnavano la protesta per la sua partecipazione alla presentazione dello scottante volume sono rimaste gelate e hanno abbandonato l’aula consiliare. In termini di effetti immediati di quello sconcertante episodio, la palla è passata al primo cittadino di Castiglione, Enrico Volpi. In merito il Sindaco ha affermato che, data “l’inopportunità” delle parole di Paganella, valuterà nei prossimi giorni quali provvedimenti prendere.

Commenta su Facebook
Giampiero Casoni
Giampiero Casoni, 50enne nato a Cassino, è da sempre un cronista di giudiziaria. Ha collaborato ed operato in redazione per Ciociara Oggi, La Provincia, di cui ha curato anche l'edizione nazionale e Provincia quotidiano, che ha recentemente accompagnato in esequie editoriali. Ha partecipato alla fondazione e vita di numerosi free press e pubblicato pezzi per agenzie dell'Alto Casertano aventi a tema soprattutto la camorra aversana. Autore di numerose inchieste sulla camorra domitia dei La Torre, si è cimentato anche con la scrittura, pubblicando romanzi sui clan secondiglianesi e sillogi poetiche. Appassionato di storia e umorista a tempo perso, cura con molta approssimazione e svogliatezza il blog Bignè all'aceto, di cui intende, da qui a qualche secolo, riesumare i fasti potenziali assieme alla compagna, la scrittrice Monia Lauroni, moderna eroina martirizzata dal suo perenne borbottare.