Elezioni in Basilicata, gli amici di Pittella ripiazzati nella Sanità

A pochi giorni dalle elezioni regionali in Basilicata gli indagati per lo scandalo sanità ottengono un nuovo incarico nell'azienda ospedaliera locale, che durerà per 5 anni.

Marcello Pittella
L'ex Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella.
Clicca qui per ascoltare l'articolo

Mancano esattamente venti giorni alle elezioni regionali in Basilicata e, come è – purtroppo – consuetudine, si cercano di fare quante più nomine è possibile per assicurare un posto agli amici, a prescindere dall’esito delle consultazioni. Anche perché – bisogna dirlo – le recenti elezioni regionali in Abruzzo e in Sardegna non sono andate particolarmente bene al Partito Democratico, che in Basilicata guida l’amministrazione uscente. Un’amministrazione peraltro coinvolta in un increscioso scandalo sanità che ha portato perfino alle dimissioni e all’arresto del Presidente Marcello Pittella.

La nomina di Pietro Quinto

Pietro Quinto
Pietro Quinto

È per questo che ha suscitato non poco clamore la nomina di Pietro Quinto, già direttore generale dell’Azienda Sanitaria locale e attualmente indagato nell’ambito dell’inchiesta sui presunti concorsi truccati in Basilicata, a Direttore della UOC (Direzione Attività Amministrative Distrettuali). Ufficializzata il 28 febbraio 2019, la nomina dura 5 anni e quindi assicura a Quinto un posto di tutto rispetto anche qualora il PD perdesse anche queste elezioni regionali.

«La spesa annua, derivante dal conferimento dell’incarico,si legge nella nomina ufficialeè pari a 25.275,66 euro oltre agli oneri riflessi dell’azienda. Essa graverà sugli appositi stanziamenti del budget spesa del personale».

Pietro Quinto è, però, indagato per i presunti concorsi truccati in Basilicata insieme all’ex Presidente della Regione Marcello Pittella. Nell’inchiesta furono coinvolti altri dirigenti delle diverse aziende ospedaliere e sanitarie. Nonostante il procedimento sia ancora in corso, Pietro Quinto è tornato in corsa nella gestione amministrativa relativa all’azienda sanitaria di Matera.

Le polemiche per la nomina di Quinto

Gianni Perrino
Il Portavoce del Movimento 5 Stelle in Basilicata, Gianni Perrino.

«Si stavano predisponendo già da temporacconta a CiSiamo.info il Portavoce del Movimento5Stelle in Basilicata, Gianni Perrinouna serie di atti amministrativi e di bandi interni per conferire questi incarichi, di cui già si vociferava a chi dovessero andare. Infatti, oltre all’incarico dato a Quinto, ne è stato dato uno anche all’ex Direttore Amministrativo, Maria Benedetto».

«Quinto e Bendetto – sottolinea Perrino – sarebbero gli “esecutori materiali” delle presunte modifiche delle graduatorie dei concorsi».

«A Nostro modo di vedere i gravi indizi di colpevolezza nei confronti degli imputati ci sono, ma ovviamente rispettiamo il ruolo della Magistratura e attendiamo che la giustizia faccia il suo corso. Nel frattempo, però, non riteniamo opportuno che a queste persone siano dati ruoli apicali all’interno dell’azienda sanitaria locale. Per questo ne riteniamo necessario un commissariamento».

Le ripercussioni sui cittadini

«Ovunque – spiega Perrino – ci siano interferenze esterne per alterare i risultati di un concorso, ne risente il buon andamento dell’amministrazione» e quindi, in questo caso, di chi deve occuparsi della salute dei cittadini della Basilicata.

«Fra l’altro – conclude Perrino – dalle intercettazioni sembra che chi ha superato quei concorsi in realtà aveva ottenuto risultati molto scadenti e quindi non se la sarebbe neanche dovuta giocare per l’incarico che poi ha avuto, quindi sicuramente ci sono state delle ripercussioni sui servizi erogati ai cittadini».

Fabrizio Capecelatro
Sono nato a Milano nell’emblematica data 09/09/90. Napoletano di origini e di "spirito", è alla città partenopea che rivolgo gran parte della mia attenzione di giovane giornalista. Sono autore dei libri "Lo Spallone – Io, Ciro Mazzarella, re del contrabbando", edito da Mursia nel 2013; "Il sangue non si lava – Il clan dei casalesi raccontato da Domenico Bidognetti", edito da ABEditore nel 2017, e "Omissis 01 – La vera storia di Rosa Amato: camorrista per vendetta, pentita per amore", edito da Tralerighe nel 2018.