Asilo per cani in Brianza: cuccioli sui banchi di scuola e si beccano anche le note

In Brianza, a Seregno, esiste un asilo per cani, il "Dog is Good". Qui i cani vengono trattati come bambini e se si comportano male ricevano perfino una nota sul registro.

Doog is Good
Doog is Good
Clicca qui per ascoltare l'articolo

In Brianza, a Seregno, esiste un asilo per cani, il “Dog is Good“. Qui i cani vengono trattati come bambini e se si comportano male ricevano perfino una nota sul registro. “Freya si è rubata la lasagna dal piatto dell’insegnante e l’ha ingoiata tutta intera. A “Dog is Good” si organizzano anche gite scolastiche a quattro zampe, pagelle canine, riposini pomeridiani, festicciole e lavoretti di classe.

L’asilo per cani

Funziona proprio come un asilo vero e proprio. La campanella suona alle 7.30 e le porte restano aperte quasi fino a sera. Un tempo pieno può costare fino a 360 euro al mese. Alcuni, tuttavia, preferiscono lasciare i loro migliori amici animali solo per qualche ora.

ne parliamo in pausa pranzo

L’idea

L’idea di questo centro canino, innalzato nei pressi di un parco, l’ha avuta una 32enne. Da sempre appassionata di animali e stufa di lavorare nel marketing, la donna ha preso il diploma di educatrice cinofila. Federica Villa ha già accolto nel suo centro ben 285 cani da quattro anni a questa parte.

“Li ho sempre amati – dichiara Federica – ma ho potuto adottare un cucciolo in un canile solo quando sono andata a vivere da sola. Oggi con me c’è Gaia, una cockerina che chiamiamo ‘la preside’ e Mirtilla, una basset hound che è la sua vice”.

La trovata di costituire “asili per cani” è nata in Germania. Adesso sta sempre più prendendo piede anche da noi.

Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.