Bambino picchiato a Cardito: il compagno della madre rischia linciaggio

Il 24enne di origine tunisine, Tony Essobti, che a Cardito ha ucciso di botte un bambino di 7anni è stato trasferito presso la casa circondariale di Castrovillari.

Tony Essobti
Tony Essobti

Il 24enne di origine tunisine, Tony Essobti, che a Cardito ha ucciso di botte un bambino di 7anni è stato trasferito presso la casa circondariale di Castrovillari. Essobti aveva picchiato a morte il piccolo Giuseppe, figlio della sua compagna. La sua vita, tra le mura del carcere di Poggioreale, era a rischio per via di altri detenuti che avrebbero tentato di fargli del male.

L’uomo qualche settimana fa si era accanito per futili motivi nei confronti dei due figli della sua convivente. Noemi la sorella di Giuseppe è rimasta viva per miracolo.

L’episodio di violenza si registrò domenica 27 gennaio. Gli agenti del commissariato di Afragola, allertati dai vicini di casa della coppia, entrarono nella casa e trovarono il corpo del bambino. Inutile la corsa disperata all’ospedale di Frattaminore, il piccolo era già deceduto.

Parte della responsabilità della morte verrà attribuita anche alla madre, Valentina Casa. Le secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, non avrebbe fatto niente per evitare al compagno il massacro dei due figli.

Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.