Busta con proiettile e auto in fiamme alla maestra del figlio: arrestato

Un uomo è stato arrestato in Sicilia con l’accusa di aver mandato una busta con proiettile e aver appiccato un incendio all’auto dell’insegnante del figlio.

Auto incendiata e proiettile in una busta per un’insegnante: arrestato
Indagini in corso per l’uomo che sarebbe stato anche l’autore materiale (foto di repertorio)

Busta con proiettile e auto incendiata alla docente che avrebbe “osato” insinuare che suo figlio aveva bisogno di un insegnante di sostegno. Brutta vicenda a Messina, dove è stato arrestato un uomo in merito a fatti avvenuti alla fine dello scorso anno scolastico.

Atto intimidatorio all’insegnante

Le indagini hanno infatti permesso di appurare che l’autore di quei gesti, incendio dell’auto e minaccia in stile “mafioso”, era proprio il padre di un alunno della vittima. La donna, qualche mese fa, aveva trovato la sua auto data a fuoco completamente, in pieno centro.

Neanche il tempo di far passare qualche giorno dal rogo che la quiete domestica della donna e il suo sistema nervoso vennero messi ancora a durissima prova: una busta contenente un proiettile calibro 7.65 le venne fatta recapitare a casa.

Cosa c’è dietro il caso del piccolo

La donna allertò i Carabinieri e partirono le indagini. Partirono proprio, come è giusto che sia, dalla vita della vittima delle intimidazioni, in primis dall’ambiente in cui lavorava, quello scolastico. Si era appurato perciò che, nelle more delle numerose piste che gli inquirenti battevano, una in particolare sembrava rispondere a requisiti oggettivi.

L’insegnante aveva avuto qualche evidente problema con un suo alunno e, a suo tempo, aveva convocato suo padre chiedendogli se non fosse il caso di chiedere un insegnante di sostegno. Pare che l’uomo non l’avesse presa benissimo. Troppo poco per configurare un nesso di concausa fra quell’episodio e reati gravi come un incendio doloso e una minaccia.

Arrestato il padre del bambino

Tuttavia le indagini erano andate avanti, alla ricerca di riscontri oggettivi, elementi certi che potessero spingere la Procura a chiedere un provvedimento di cautela. Pare che quegli elementi siano emersi, almeno in maniera preliminare e tutta da comprovare nella sede del dibattimento. Il padre del ragazzo è stato arrestato in quanto presunto responsabile di quegli atti persecutori.

Commenta su Facebook
Giampiero Casoni
Giampiero Casoni, 50enne nato a Cassino, è da sempre un cronista di giudiziaria. Ha collaborato ed operato in redazione per Ciociara Oggi, La Provincia, di cui ha curato anche l'edizione nazionale e Provincia quotidiano, che ha recentemente accompagnato in esequie editoriali. Ha partecipato alla fondazione e vita di numerosi free press e pubblicato pezzi per agenzie dell'Alto Casertano aventi a tema soprattutto la camorra aversana. Autore di numerose inchieste sulla camorra domitia dei La Torre, si è cimentato anche con la scrittura, pubblicando romanzi sui clan secondiglianesi e sillogi poetiche. Appassionato di storia e umorista a tempo perso, cura con molta approssimazione e svogliatezza il blog Bignè all'aceto, di cui intende, da qui a qualche secolo, riesumare i fasti potenziali assieme alla compagna, la scrittrice Monia Lauroni, moderna eroina martirizzata dal suo perenne borbottare.