Coda e ressa per le Nike Air Max: un’edizione limitata da 160 euro

Sono acquistabili a un prezzo agevolato di 160 euro. Ma le stesse scarpe sono vendute fuori a un prezzo che sfiora i 500 euro.

In fila per le nuove Nike Air Max
In fila per le nuove Nike Air Max

Il negozio Nike Lab St18 è stato preso d’assalto da centinaia di ragazzi pronti a sfidare il freddo per avere l’ultimo modello di scarpe targato Nike. Si tratta delle Air Max 90, prodotte in edizione limitata per lo store di via Statuto e via della Moscova, a Milano. Sono acquistabili a un prezzo agevolato di 160 euro. Ma le stesse scarpe sono vendute fuori a un prezzo che sfiora i 500 euro.

In tantissimi così hanno assediato le entrate del negozio, pronti, una volta aperte le porte, ad assaltare gli scaffali. Hanno dormito fuori, al freddo, da mercoledì.

ne parliamo in pausa pranzo

Necessario l’intervento della polizia

Molti dei clienti, però, hanno lamentato la scarsa organizzazione da parte degli addetti ai lavori. Questi ultimi, infatti, avrebbero distribuito i bracciali ad amici e conoscenti. Anche per questo motivo, è stato necessario l’intervento di diverse volanti della polizia che hanno dovuto attendere che il tutto terminasse senza troppi incidenti.

I video dei ragazzi in coda sono stati diffusi sui social. Qualcuno si è anche chiesto, giustamente, il perché i ragazzi non fossero a scuola.

Non la prima volta

Un altro episodio di questo genere è accaduto per le Nike Air Force 1. Lo scorso 19 dicembre, infatti, in decine, sempre al freddo e al gelo, erano rimasti all’esterno dello stesso store Nike per più di 12 ore. In quell’occasione obiettivo in quel caso era accaparrarsi le nuove scarpe Off-White x Nike Air Force 1 nei colori Black e Volt, sempre prodotte in edizione limitata.

Commenta su Facebook
Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.