Prostituzione a Bologna: arrestato tenente colonnello della Guardia di Finanza

Un tenente colonnello è stato arrestato con l'accusa di sfruttamento della prostituzione. L'uomo è attualmente agli arresti domiciliari.

Arrestato colonnello con l'accusa di sfruttamento della prostituzione
L'uomo è attualmente agli arresti domiciliari

È finito agli arresti domiciliari Alessio Costigliola, tenente colonnello della Guardia di Finanza. L’accusa è di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Il Gip Alberto Gamberini ha chiesto la misura cautelare. L’inchiesta è partita dal Sostituto Procuratore della Repubblica Flavio Lazzarini che ha coordinato i finanzieri del nucleo di Polizia Economica Finanziaria.

Finanziere indagato per sfruttamento della prostituzione

Il tenente è accusato di aver avuto un ruolo nel giro di prostituzione. Lo sfruttamento delle ragazze sarebbe avvenuto nell’alloggio privato di Bologna. Le giovanissime, originarie dell’America Latina, pare fossero costrette a prostituirsi. Non risulta che la presunta attività illecita fosse svolta in locali riferibili alla Gdf. 

«È un’indagine nostra, ancora in corso, sotto l’egida della Procura – ha dichiarato il generale Luca Cervi, comandante provinciale di Bologna -. Costagliola è stato sospeso dal servizio, procedura automatica in questi casi, e si trova ai domiciliari a Gaeta».

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.