Violenza sugli animali, ragazzo appende il cane a un albero e lo uccide

Arrestato un 22enne argentino. Agli agenti si sarebbe giustificato dicendo: "Non mi lasciava dormire".

Un frammento del video dell'accaduto
Un frammento del video dell'accaduto

Altro caso di violenza sugli animali. Un ragazzo ha legato il suo cane a un albero e lo ha preso a calci e bastonate. L’animale è morto lentamente e in modo doloroso, sotto gli occhi di alcuni ragazzini che hanno filmato il tutto. Il video, poi girato su WhatsApp e diventato virale, è stato la prova che ha indotto la polizia ad arrestare un 22enne.

I fatti sono accaduti nella città di Santiago del Estero, in Argentina. Il giovane ha preso il suo cane, una femmina. Dopo averla legata con una corda a un albero, ha iniziato a colpirla con calci e bastonate, uccidendola dopo una lunga agonia. Il video, girato su WhatsApp, ha avuto una vastissima diffusione e, anche se poi era stato rimosso dai social, ha permesso l’identificazione del ragazzo. Per il 22enne sono così scattate la manette.

Il giovane, dopo l’accaduto, si sarebbe giustificato dicendo: “L’ho uccisa, non mi lasciava dormire. Era sveglia e abbaiava tutta la notte. Allora oggi sono andato, l’ho appesa e l’ho uccisa”. Dopo l’arresto, il 22enne è stato condotto in commissariato e resta in stato di fermo in attesa di giudizio.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.