Maria Teresa Trovato Mazza morta, l’agente di polizia era in coma da due anni

Per tutti "Sissy" era in coma da quando fu trovata ferita da un colpo di pistola esploso all'interno dell'ascensore dell'Ospedale Civile di Venezia.

Maria Teresa Trovato Mazza
Maria Teresa Trovato Mazza

Maria Teresa Trovato Mazza, per tutti Sissy, è morta. L’agente di Polizia penitenziaria originaria di Taurianova era in coma dal novembre 2016, quando fu trovata ferita da un colpo di pistola esploso all’interno dell’ascensore dell’Ospedale Civile di Venezia. “La scomparsa della giovane agente è una notizia tristissima che addolora profondamente tutti, familiari, amici e l’intera amministrazione della quale faceva parte”. Queste le dichiarazioni di Francesco Basentini, capo del Dap, il Dipartimento amministrazione penitenziaria, ricordando la poliziotta calabrese. “La sua battaglia si è conclusa ieri sera. Mi auguro che venga fatta finalmente piena luce su quanto accaduto quel terribile giorno. Lo dobbiamo a lei, alla sua famiglia, ai suoi cari e a tutti i suoi colleghi, che non hanno mai smesso di innalzare una preghiera per lei in questi due anni”.

L’omaggio dal mondo del calcio

Anche il calcio a 5 italiano piange la scomparsa di Sissy. L’agente vinse con la Pro Reggina il primo scudetto nella storia della Serie A femminile, quello del 2012. Nel 2017, in occasione della Final Eight di Coppa Italia di Serie A femminile giocata a Lamezia, il presidente della Divisione Calcio a cinque Andrea Montemurro aveva offerto un contributo per le cure della ragazza. “A nome mio e del Consiglio Direttivo della Divisione Calcio a cinque, esprimo le condoglianze alla famiglia Trovato Mazza, in un momento di immenso dolore. Sissy, il futsal italiano non ti dimenticherà”. Prima delle gare di Serie A e Serie A2 femminile in programma oggi, su tutti i campi verrà osservato un minuto di raccoglimento.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.