Musulmano entra in chiesa inneggiando ad Allah, paura nel bresciano

Momenti di tensione in una chiesa in provincia di Brescia, quando un uomo di origini marocchine è entrato urlando Allah. Il Sindaco ha chiamato i carabinieri.

Ucciso il fratello di un pentito d

Un ragazzo di origini marocchine, musulmano di fede, è entrato in chiesa inneggiando ad Allah. L’evento è successo a Maclodio, nel bresciano. Sono più di 1500 le persone che stavano in quel momento assistendo alla lettura del Vangelo nella chiesa di paese. Il ragazzo, visibilmente alterato, ha anche pronunciato diverse frasi in arabo. Si è pensato subito che fosse armato, in quanto teneva una mano nascosta dietro la schiena. Alcuni fedeli radunati lo hanno spintonato di fuori anche con l’aiuto del Sindaco che ha chiamato i carabinieri. Il tutto in un clima di paura. L’uomo, un 35enne conosciuto alle forze dell’ordine, è stato portato in caserma dai militari. Da 6 mesi aveva lasciato Maclodio per andare a vivere a Travagliato. Da qui ha raggiunto la chiesa in bicicletta del paese dove era in corso la Messa di Natale.

Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.