Morto Bartek, l’amico di Megalizzi: si aggrava il bilancio delle vittime di Strasburgo

Dopo giorni in coma è morto Barto Pedro Orent-Niedzielski, l'amico del giornalista italiano Antonio Megalizzi. I due erano stati colpiti insieme dall'attentatore Cherif Chekatt.

Barto Pedro Orent-Niedzielski
Bartek, quinta vittima dell'attentato di Strasburgo, in una foto pubblicata sul suo profilo Facebook.

Si aggrava il bilancio delle vittime dell’attentato a Strasburgo di martedì 11 dicembre. La quinta vittima è Barto Pedro Orent-Niedzielski, 35 anni. Il giovane era in compagnia del giornalista italiano Antonio Megalizzi quando Cherif Chekatt ha aperto il fuoco al mercatino di natale di Place Kleber.

Bartek, questo il soprannome del giovane, era stato colpito alla fronte da Chekatt, una vera e propria esecuzione, ed era ricoverato in ospedale, in coma.

Antonio Megalizzi e Bartek erano amici, oltre che colleghi. Lavoravano entrambi per Europhonica, un format radiofonico composto da studenti per parlare dell’Europa ai giovani. Sebbene Europhonica non voglia al momento rilasciare dichiarazioni sui due giornalisti, li ha ricordati su twitter.

Elisabetta Riboldi
Nata il 15 luglio 1992, ho seguito il tipico cursus honorum della letterata milanese: diploma al liceo classico G. Berchet, laurea triennale in Lettere Moderne e magistrale in Filologia Romanza presso l'Università degli Studi di Milano. Fervente appassionata di tutte le arti, curioso nelle librerie, alle mostre, nei musei; per quasi dieci anni ho seguito corsi di teatro e, in seguito, di danza ottocentesca. Ma quella stessa curiosità che mi porta a indagare l'arte e la storia mi àncora fortemente all'attualità, di cui cerco di indagare processi e retroscena.