Mangia pollo al curry durante la partita del figlio e resta paralizzato

Un batterio presente nella carne ha innescato la sindrome di Guillian-Barré. Il disturbo immunitario ha bloccato il 40enne per mesi.

Pollo al curry paralizza un uomo
La vicenda è accaduta in Galles

David Braham è stato colto da un malore fulminante dopo aver cenato in un ristorante cinese. Consumati i bocconcini di pollo, accompagnati dalla salsa al curry, si è sentito male. L’uomo è stato trasportato d’urgenza al Princess Wales Hospital in condizioni piuttosto critiche: coma farmacologico per il cittadino gallese. Il 40enne stava assistendo alla partita di rugby del figlio nello Liberty Stadium di Swansea.

Pollo al curry e la sindrome che lo ha colpito

David è rimasto completamente paralizzato dalla testa in giù. Ciò è stato causato da una violenta intossicazione alimentare che ha sviluppato, all’interno del proprio organismo, la sindrome di Guillian-Barré. Si tratta di una rara malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso. La terapia per ripristinare le funzioni vitali può durare anni se non per l’intero arco della propria vita. Si calcola che in Italia ne soffrano due persone ogni 100mila abitanti. «Quando mi sono svegliato dal coma non avevo idea di cosa stesse succedendo – racconta oggi, che si è parzialmente ripreso -. Ero immobilizzato e non sentivo nulla. Non ho visto i miei figli per mesi mentre ero in terapia intensiva».

ne parliamo in pausa pranzo

Un vero e proprio calvario

I medici, dopo una settimana di cure, hanno deciso di mandarlo a casa. Il giorno successivo alle dimissioni dal nosocomio, l’uomo ha iniziato a sentire una strano formicolio su tutto il corpo. Nel giro di 24 ore era praticamente paralizzato. Un processo di ripresa graduale e molto forte dal punto di vista emotivo e fisico. «Ho dovuto imparare di nuovo a lavarmi i denti – rivela -. È come ritornare bambini, il cervello sa come fare ma il corpo non risponde».

Commenta su Facebook
Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.