Antonio Megalizzi, gravissime le condizioni del giornalista ferito a Strasburgo

La posizione del proiettile rende difficile un'eventuale operazione. Antonio Megalizzi è attualmente in coma farmacologico.

Antonio Megalizzi
Antonio Megalizzi non ce l'ha fatta.

Antonio Megalizzi, il giornalista italiano colpito dal killer della strage di Strasburgo, è ancora in coma farmacologico. Saranno decisive le prossime ore. La situazione è alquanto delicata vista la posizione del proiettile.

La situazione di Antonio Megalizzi e il bilancio dei feriti

Danilo Moresco, il padre della fidanzata di Antonio, analizza le condizioni del giovane tenuto in coma farmacologico. «Stiamo cercando qualcuno che possa salvargli la vita: è tenuto in coma farmacologico». Il bilancio attuale, secondo i dati forniti dalla prefettura francese, parla di tre morti accertati e di una persona in stato di morte cerebrale. Dei 13 feriti cinque sono in condizioni critiche.

Moresco ha rivolto un appello per cercare di salvare la vita del ragazzo. «Stiamo cercando un luminare, che possa andare a Strasburgo e salvarlo – ha detto all’AdnKronos -. Ce la metterò tutta: ci vorrebbe una equipe di specialisti che possano andare a valutarlo. Dobbiamo trovare persone qualificate. È normale che sentirò anche la famiglia per capire ciò che pensano». Il proiettile ha colpito il giovane alla nuca fermandosi accanto alla spina dorsale. Proprio per questo i medici francesi non hanno proceduto ad un intervento chirurgico.

Alessandro Artuso
Nato a Roma il 18 giugno 1991, ho conseguito la laurea triennale presso l'Università della Calabria e la magistrale all'Università degli Studi di Messina. Giornalista pubblicista, da luglio 2018, ho maturato la mia prima esperienza lavorativa con la redazione calabrese ottoetrenta.it con la quale collaboro da aprile 2015. Ho lavorato nell'azienda Silicon Make App producendo articoli inerenti a tematiche come Sviluppo app, Web marketing e Social media marketing. Interessato alle notizie a tutto tondo, mi pongo come elementi imprescindibili la ricerca e il controllo delle fonti.