Ecotassa su biglietti aerei per contrastare i cambiamenti climatici

In Francia arriva una nuova ecotassa sui biglietti aerei per i voli in partenza. L'importo varierà da 1,50 fino ai 18 euro a biglietto.

Ecotassa sui biglietti aerei
Ecotassa sui biglietti aerei

In Francia arriva una nuova ecotassa sui biglietti aerei per i voli in partenza. L’importo varierà da 1,50 fino ai 18 euro a biglietto. La rivoluzione è stata annunciata dalla Ministra dei Trasporti Elisabeth Borne dopo la decisione presa durante il secondo Consiglio di Difesa Ecologico riunito da Macron al palazzo dell’Eliseo. L’ecotassa è finalizzata alla lotta per il clima.

Ecotassa su biglietti aerei

Si sa, le battaglie ambientaliste in stile Greta Thunberg hanno attecchito molto di più in Francia, e nel resto dell’Europa, che non in Italia. La nuova misura verrà applicata a ogni compagnia aerea, ma solo per i voli in partenza dalla Francia. Saranno esenti i voli verso la Corsica, i territori francesi d’Oltremare e le corrispondenze aeree.

Si pagherà per 1,50 euro per volare all’interno dell’Europa in classe economica e 9 euro per la business. Per rotte fuori dall’Europa si dovrà pagare 3 euro in classe economica e 18 euro per la business. Entreranno così nelle casse dello stato circa 182 milioni di euro ogni anno. Questi fondi, hanno fatto sapere dal Ministero dell’Ambiente, verranno destinati a investimenti in infrastrutture di trasporto più moderne e rispettose dell’ambiente.

Ecotassa europea

Ma l’idea di una ecotassa per i biglietti aerei potrebbe coinvolgere tutti i Paesi dell’Unione europea. La proposta era stata avanzata dal Belgio. Durante i lavori del Consiglio ambiente a Bruxelles aveva lanciato un’idea di una tassa europea sul trasporto aereo, da applicare sui biglietti o sul carburante. La proposta era stata poi sostenuta da Olanda, Lussemburgo, Svezia e della stessa Francia.

Mattia Pirola
Nato il 18 luglio del 1990, vivo da sempre nella tranquilla Cassina de' Pecchi, alle porte della ben più caotica Milano. Con una laurea in Storia ho soddisfatto la mia voglia di conoscere il passato e con l'attività giornalistica la necessità di analizzare il presente, ben consapevole che questa epoca sarà ricordata per le sue innumerevoli contraddizioni.