Galliani: “Il campionato deve riprendere, a giugno o dopo”

Galliani: "Il campionato deve riprendere, a giugno o dopo". Per l'ad del Monza va bene la proposta di allineare la stagione all'anno solare

Galliani:
Adriano Galliani

Galliani: “Il campionato deve riprendere, a giugno o dopo”. “Finire i campionati è infinitamente meglio che non giocare più. La prima data utile sembra giugno ma se così non fosse sposteremmo le lancette più in là“. Questo pensa l’amministratore delegato del Monza Adriano Galliani, su una possibile ripresa dei campionati fermi da oltre un mese a causa dell’emergenza coronavirus.

In un’intervista al ‘Giornale’ l’ex ad del Milan torna sulla proposta di allineare i campionati all’anno solare, finendo con calma la stagione 2019/20 anche oltre settembre e ripartire nel 2021 con la prossima stagione: “Intanto se tra campionati e coppe si andasse in autunno, sarebbe una conseguenza quasi inevitabile. E poi nel 2022 ci saranno i Mondiali in Qatar da novembre a dicembre, possiamo allinearci”.

Galliani: “Il campionato deve riprendere, a giugno o dopo”

Galliani aggiunge anche che, dopo il 2022, si tornerebbe al classico svolgimento della stagione tra agosto e maggio dovendo giocare in pochi mesi: “Dividere la Serie A in due gironi da dieci squadre con le prime otto o prime quattro che si sfidano ai playoff per lo scudetto facendo durare la stagione solo cinque mesi”. Il senatore di Forza Italia ragiona anche sullo stop definitivo al campionato di Serie C: “Si tratta di un campionato senza risorse che vive grazie al mecenatismo di 60 eroi che investono 120 milioni l’anno nel settore. Chissà quanti resisteranno alla tempesta economica prodotta dal virus”. E consiglia al calcio una maggiore collaborazione con Coni e politica: “Nel 2003, con i ricorsi del Catania di Gaucci, ne uscimmo con condivisione totale delle scelte finali”.