Champions League, Napoli qualificata, l’Inter eliminata: i risultati della sesta giornata di Champions League

Milik, con una tripletta, trascina il Napoli al secondo posto. Lukaku non basta all'Inter, il Barcellona vince ed elimina i nerazzurri.

La sesta giornata di Champions League è agrodolce per le italiane: il Napoli si qualifica agli ottavi grazie alla vittoria contro il Genk(4-0); L’nter è fuori in virtù della sconfitta contro il Barcellona(1-2) e retrocede in Europa League per la contemporanea vittoria del Borussia. I mattatori della serata sono stati Milik – con una tripletta – per il Napoli e il giovanissimo Fati, classe 2002 del Barcellona.

Il Napoli vola come seconda nel girone, per via della vittoria del Liverpool; per l’Inter sarà Europa League.

Tutto facile per il Napoli

Ancelotti, sulla graticola, sceglie di schierare Milik ai danni di Insigne e ritrova Allan in mediana. Nei belgi si registra l’esordio di Vandevoordt, 17enne portiere belga (il più giovane portiere della storia della rassegna), considerato da molti l’erede di Courtois.

L’avvio del Napoli è esaltante: al primo minuto Koulibaly centra la traversa da corner. Subito dopo il giovane Vandevoordt si esibisce in un intervento da film dell’orrore: tenta il dribbling ai danni di Mertens ma perde palla e Milik segna l’1-0.

Il Napoli sembra padrone del gioco, e sfiora il raddoppio con Mertens, ma in difesa ha troppe amnesie: Fabian perde un pallone pericoloso sulla trequarti e Paintsil sfiora il palo dia 25 metri. Subito dopo ancora Fabian sbaglia e lancia Onuachu davanti a Meret: il gigante dei belgi calcia clamorosamente fuori da ottima posizione.

La reazione del Napoli è vincente: Allan lancia Di Lorenzo, che con un gran cross, serve Milik che dal limite dell’area piccola insacca il raddoppio.

Il Napoli, malgrado altre disattenzioni in difesa, passa ancora sfruttando le ingenuità del portiere belga: Callejon, lanciato ancora da Allan, anticipa Vandevoordt che lo stende: rigore trasformato ancora da Milik – prima tripletta in Champions League per il polacco.

Il primo tempo finisce con un brivido per il Napoli: il nigeriano Onuachu, ancora solo davanti a Meret calcia alto, dopo che si era liberato di Koulibaly con un gran dribbling.

Nella ripresa il Napoli ha le orecchie verso la panchina, per conoscere il risultato del Liverpool – che in 5 minuti risolve la pratica Salisburgo. Si registra l’esordio di Gaetano in Champions League, classe 2000, preferito a Insigne anche nella girandola dei cambi.

La prima emozione arriva al 74esimo quando il Napoli segna ancora su Rigore: Milik lascia la battuta a Mertens che segna col cucchiaio.

Ora resta da decidere il futuro di Ancelotti, che dopo la gara ha dichiarato che non si dimetterà.

Impresa mancata dell’Inter contro il Barcellona di scorta

L’Inter, dopo la grande vittoria di Praga, si gioca la gara più importante dell’anno col centrocampo d’emergenza composto da Borja Valero, Vecino e Brozovic. Il Barcellona, che ha lasciato a casa il Pallone D’Oro Messi, schiera Griezmann sorretto Perez e Alena.

L’Inter parte forte, con due occasioni con D’Ambrosio (tiro alto) e Lukaku, che solo davanti al portiere si fa murare a pochi metri dalla porta. In mezzo una bella parata di Handanovic su Perez. Ancora Inter, con Biraghi che impegna Neto con un gran diagonale al ventesimo.

Malgrado il grande inizio è il Barcellona a passare in vantaggio: Griezmann cerca l’imbucata, Godin nel tentativo di anticipare Vidal serve Perez che sigla il clamoroso vantaggio da pochi passi.

Lo svantaggio frena l’Inter e il Barcellona, sugli sviluppi di un corner sfiora il raddoppio con Lenglet: da pochi passi calcia incredibilmente fuori.

L’Inter si aggrappa al suo uomo simbolo, Lautaro Martinez, che impegna Neto alla grandissima parata sul suo palo dopo un gran controllo dell’argentino.

Ma l’Inter non molla e trova il pari: lancio lungo per Martinz che resiste a una carica e serve Lukaku che dal limite fa esplodere il sinistro vincente per l’1-1.

Una ripresa che vede l’Inter padrona del palleggio ma che al 57esimo rischia lo svantaggio: Griezmann , servito da Perez, calcia dal limite trovando un attento Handanovic. ma ancor più clamorosa è l’occasione per Lukaku due minuti dopo: da solo davanti al portiere si lascia ipnotizzare calciando sul corpo di Neto. Tre minuti, ancora Lukaku, riesce a sltare Neto ma non a concludere.

L’Inter assale la porta, prima Lautaro sfiora il palo, poi Lukaku centra ancora Neto. L’Inter trova la rete, con Martinez, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco di pochi centimetri. A 10 minuti dal termine ancora un gol annullato per i nerazzurri: grande azione di Politano, tiro ribattuto e corretto in rete da Martinez, ma Lukaku – che ha partecipato all’azione – era in netto fuorigioco. Sul ribaltamento di fronte Perez calcia fuori in contropiede.

Ma nel momento di maggiore sforzo l’Inter viene gelata dal giovanissimo Fati: diagonale rasoterra da fuori area che gela Handanovic per il classe 2002 (più giovane marcatore nella storia della competizione).

L’Inter paga la clamorosa sconfitta in rimonta in casa del Borussia.

Sesta giornata di Champions League, tutti i risultati

Il Liverpool, trascinato da Allison e Salah, batte con qualche problema il Salisburgo per 2-0 e si prende la testa del girone ai danni del Napoli. Il Dortmund, nel girone dell’Inter, si porta subito avanti con Sancho servito da Reus ma il pareggio ceco, con Soucek, spaventa i tedeschi ma Brandt solleva il Borussia dalla paura e qualifica il Dortmund. Il Lione, malgrado due rigori a sfavore, riesce nell’impresa di pareggiare contro il Lipsia e si qualifica come seconda; nello stesso girone lo Zenit perde contro il Benfica e viene retrocesso in Europa League. Il Chelsea batte comodamente il Lilla e si qualifica come seconda; nello stesso girone l’Ajax, semifinalista dello scorso anno, cade contro il Valencia e saluta la competizione.

Napoli – Genk 4-0

Salisburgo – Liverpool 0-2

Inter – Barcellona 1-2

B. Dortmund – S. Praga 2-1

Ajax – Valencia 0-1

Benfica – Zenit 3-0

Chelsea – Lilla 2-1

Lione – Lipsia 2-2

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.