Saluti romani dei laziali, la risposta dei tifosi del Celtic: “Seguite il vostro leader”

Insieme al manifesto con Mussolini a testa in giù, i tifosi del Celtic hanno anche fatto apparire la scritta "Brigata Verde"

partita-Celtic-Lazio-risposta
La risposta dei tifosi del Celtic ai saluti romani dei laziali (Foto: Twitter)

Una partita che si è trasformata in scontro ideologico quella tra Celtic e Lazio. L’incotnro di Europa League si è svolto a Glasgow, dove nel pomeriggio sono stati filmati dei saluti romani fatti dai laziali nelle vie della città per provocare i tifosi del Celtic. Provocazione che è stata accolta come una sfida di slogan e striscioni durante la partita. E se in campo il match si è chiuso con il 2 a 1 per gli ospitanti, l’ultima parola sulla battaglia tra tifoserie spetta alla società biancoceleste e alla Uefa.

Celtic-Lazio: il saluto romano prima della partita

Il tutto è iniziato qualche ora prima della partita di giovedì sera. Intorno alle 17.00, come riporta Il Corriere della Sera, una trentina di tifosi laziali sarebbero stati filmati per le strade di Glasgow mentre celebravano Benito Mussolini e facevano saluti romani. Le riprese, poi pubblicate dallo Scottish Sun, mostrano i tifosi biancocelesti mentre camminano per la via centrale della città, Buchanan Street, provocando i passanti.

I laziali provocano: la risposta dei tifosi del Celtic

Non si è fatta attendere la replica dei tifosi biancoverdi, che avevano già pronti degli striscioni per rispondere a tono agli avversari. Tra di loro c’era anche il gruppo di ultras Green Brigade, dichiaratamente di estrema sinistra, che ha manifestato con uno striscione con scritto: “Brigate Verde”. Altri striscioni recitavano insulti verso i laziali, come: “Laziale parto an**e” e “Lazio vaf******o”. Il più controverso però, era quello che faceva riferimento ai fatti del 29 aprile 1945 in Piazzale Loreto a Milano. Sullo striscione infatti si vede Mussolini a testa in giù, con vicino la scritta: “Follow your leader”, ovvero “Seguite il vostro capo”. Durante la partita poi sono partiti diversi cori di insulti politici da entrambe le curve.

Cosa succederà adesso ai laziali in Europa League

Quella dei saluti romani fatti dai laziali e dei tifosi del Celtic che rispondono con lo striscione di Mussolini, rimane una questione aperta in Europa League. Non è la prima volta infatti che i tifosi della Lazio finiscono al centro delle polemiche per la loro vicinanza agli ideali fascisti. Durante la partita contro il Rennes infatti, la Digos aveva già identificato 20 tifosi biancocelesti mentre facevano il saluto romano.

In occasione della partita di ritorno contro il Celtic che si svolgerà a Roma il prossimo 7 novembre, era infatti già stato deciso di chiudere la Curva Nord dell’Olimpico. Adesso però, la squalifica rischia di essere estesa a tutti i tifosi della Lazio. “A questo punto è possibile arrivino nuove sanzioni”, ha riferito al giornale Nicolò d’Angelo, responsabile della sicurezza della Lazio. “Purtroppo c’è ancora una minoranza che è convinta sia normale fare il saluto romano e manifestare un pensiero marcatamente razzista. Tutto questo non possiamo considerarlo più tollerabile, per quanto la situazione sia stata sottovalutata e trascurata per anni”, ha aggiunto, rilanciando il suo impegno a collaborare con la Uefa sul tema di razzismo e intolleranze nello sport.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.