Un nuovo stadio a Milano? Il fronte del sì è in crescita

nuovo stadio Milano
Foto: Pixabay

E’ ormai chiaro come non si possa prescindere da uno stadio di proprietà se si vuole essere competitivi ad alti livelli e aumentare ricavi. A differenza di quanto accade in Europa, Milan e Inter hanno però deciso di unire le forze in questo progetto e puntano a realizzare un impianto nelle vicinanze di San Siro che possa restare attivo 7 giorni su 7 anche con una serie di attività commerciali.

Tra i milanesi le perplessità non mancano, soprattutto da parte di chi è residente nelle vicinanze. A sorpresa, però, negli ultimi tempi l’opinione di molti sarebbe cambiata, come si evince da un sondaggio commissionato da Ipsos Italia in attesa che venga presa una decisione definitiva sui due progetti in corsa.

Nuovo stadio a Milano: la maggioranza dice sì

Secondo l’indagine il 64% dei milanesi intervistati è a favore della costruzione del nuovo stadio di San Siro e del suo distretto multifunzionale nella zona dove sorge il Meazza. Il 77% degli intervistati coglie il lato positivo della scelta dei due club e considera il nuovo stadio un’opportunità che andrebbe colta al volo, che porterà modernità, posti di lavoro e benefici alla Città, come già avvenuto in altre riqualificazioni quali Citylife e Porta Nuova.

La ricerca evidenzia, inoltre, come la Milano degli ultimi anni stia andando nella direzione giusta: sono palpabili i cambiamenti che la città ha vissuto e sta vivendo. Milano è in grado di competere con le migliori città d’Europa, ma non è priva di zone che hanno bisogno ancora di qualche intervento di riqualificazione, tra le quali San Siro e specificamente l’area dove ora è collocato il Meazza (75% degli intervistati).

Ma dove fare il nuovo stadio?

Anche la collocazione dell’impianto ha un’importanza strategica, non solo per i due club ma anche per gli appassionati che decideranno di seguire di persona le gare o di usufruire della struttura sul piano commerciale.

La ricerca non ha dimenticato così di toccare anche questo aspetto. I milanesi hanno indicato una loro preferenza per la stessa area dove ora sorge il Meazza. L’idea di uno stadio fuori dai confini di Milano, ma dentro la città metropolitana, piace meno, ma è comunque accolta favorevolmente.

Tra i maggiori sostenitori del progetto ci sono i tifosi delle due squadre, che hanno evidentemente compreso i benefici del progetto a cui stanno lavorando le società. Tra questi spiccano quelli che sono attualmente abbonati (voto medio 8,4/10) e chi è abituato a frequentare San Siro con una certa regolarità, sia che si tratti di assistere ad eventi sportivi o ad eventi musicali.

Andare in un nuovo stadio significherà certamente, anche per gli appassionati, dire addio a una serie di tradizioni, ma sono soprattutto gli aspetti positivi che dovranno essere presi in considerazione. Il 79% degli intervistati è infatti convinto che l’impianto che sostituirà San Siro possa essere più confortevole e sicuro rispetto al Meazza. A trarne giovamento non sarà solo l’immagine dei due club, ma anche tutta la città che potrà contare su una struttura all’avanguardia (71% degli intervistati), che dimostra così di guardare anche alle nuove generazioni.

Non manca anche un piccolo suggerimento sul modo di procedere. Sebbene la realizzazione del nuovo stadio verrà interamente finanziata da Milan e Inter, il 63% dei cittadini milanesi auspica che il Comune di Milano dialoghi costantemente con le due società, facendo anche da garante sulla qualità dei lavori che inevitabilmente avranno un impatto sulla città e residenti, ma che permetteranno la riqualificazione e la modernizzazione di un’area, nonché la creazione di nuovi posti di lavoro.