Miccoli in Appello: «Sbagliai a definire “fango” Falcone, sono pentito»

Fabrizio Miccoli (foto Youtube)

Da star del calcio a “paria” della società civile, per una frase pronunciata contro Giovanni Falcone. Fabrizio Miccoli, ex calciatore di Palermo e Juventus, parla in una intervista a Sportitalia della famosa intercettazione telefonica che segnò la fine della sua carriera e della sua onorabilità di uomo. “Sono cinque anni che cerco di mettermi a disposizione per arrivare alla verità, quello non è il mio pensiero. Ho cambiato vita e per quella cosa ho smesso di giocare”.

Miccoli e l’intervista a Sportitalia

Miccoli era andato a processo per estorsione aggravata dal metodo mafioso, un processo che lo aveva visto condannato a 3 anni e sei mesi di carcere. Durissime le motivazioni a corredo di quella condanna: Miccoli si sarebbe avvalso dell’amico Mauro Lauricella, figlio del boss della Kalsa palermitana, per innescare “forme di risoluzione tipiche delle cosche mafiose”. Anche il linguaggio pare fu consono al mondo delle coppole storte. In questi giorni, in cui si è aperto il processo di appello, Miccoli è tornato su quella frase che lo bollò definitivamente.

In quella intercettazione il calciatore definì infatti “fango” Giovanni Falcone. Il calciatore chiese ripetutamente scusa dopo che il contenuto di quella intercettazione veniva diffuso nelle more del procedimento, ma ormai la “fatwa” etica era lanciata. Miccoli ha affermato che gli piacerebbe incontrare Maria, la sorella del giudice ucciso dalla mafia a Capaci. “All’epoca ci provai anche, ma poi capii la situazione e lascia perdere”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.