Phil Masinga è morto: giocò con Salernitana e Bari

Masinga è deceduto all’età di 49 anni. L’ex calciatore di Bari e Salernitana era malato da tempo.

Phil Masinga
Un gol di Phil Masinga regalò al Sudafrica la prima qualificazione ai Mondiali di calcio

Philemon Masinga, ex calciatore di Salernitana e Bari, è morto all’età di 49 anni. La Federazione del Sudafrica ha comunicato il decesso. Masinga si è spento, secondo gli organi di informazione locali, dopo un lungo periodo di malattia.

La carriera di Masinga

Il calcio piange per la morte del 49enne. Masinga è celebre per la propria militanza nel Bari in Serie A. Riuscì a segnare 24 reti in 75 partite giocate con la formazione della Puglia tra il 1997 e il 2001. Cresciuto nel Cosmos di Jomo, prima di giungere in Italia giocò con la formazione svizzera del San Gallo e con il Leeds United. Chiuse la propria carriera calcistica, nel 2002, all’Al-Wanda.

Calcio in Italia, dalla Salernitana al Bari

Uno dei calciatori africani più celebri della storia del calcio in Europa. La sua prima squadra in Italia fu la Salernitana. Si trasferì in Campania nel 1996 e segnò 4 gol in 16 partite ufficiali disputate in B. Le reti contribuirono alla permanenza in Serie B del biancorossi. Nella successiva stagione calcistica il passaggio al Bari in Serie A. Masinga esplose in Puglia segnando ben 24 gol. Nella sua ultima stagione con il Bari fece molta panchina a causa del nuovo talento, in forza nella squadra, tale Antonio Cassano.

La Nazionale e quel gol

Riuscì a collezionare 58 presenze con la Nazionale del Sudafrica diventandone, di fatto, uno dei giocatori più rappresentativi. Da ricordare una rete di Masinga nel 1997 contro il Congo che permise ai “Bafana Bafana” di qualificarsi per la prima volta ai Mondiali di calcio. La competizione si svolse in Francia l’anno successivo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.