Inter, sospeso Radja Nainggolan per motivi disciplinari

Il centrocampista è stato sospeso dall'Inter per un ritardo prima della seduta di allenamento. Radja Nainggolan potrebbe ricevere una corposa ammenda.

Radja Nainggolan
Il calciatore è stato escluso per motivi disciplinari

Radja Nainggolan è stato sospeso ufficialmente dall’Inter. Il calciatore ex Roma pare non sia incline al rispetto dei regolamenti dell’ambiente. Con l’approdo di Beppe Marotta la situazione si è evoluta in un’ottica ancora più rigida. Le regole nello spogliatoio nerazzurro, di fatto, sarebbero diventate maggiormente inflessibili. Da qui la decisione di sanzionare, anche dal punto di vista economico, il calciatore per una condotta disciplinare non conforme. Il giocatore belga si è presentato in ritardo all’allenamento anche se, questa circostanza, potrebbe essere l’ultima di una lunga serie di eventi. Ecco il comunicato del club. «FC Internazionale Milano comunica che Radja Nainggolan è momentaneamente sospeso dall’attività agonistica per motivi disciplinari».

Cosa potrebbe accadere nel futuro di Nainggolan?

Anche i calciatori più rappresentativi, nell’ottica del rispetto comune, dovranno sottostare al regolamento imposto dal club nerazzurro. Il nuovo amministratore delegato dell’area sportiva, Beppe Marotta, pare avesse posto una sorta di ultimatum al calciatore. Sulle tracce di Nainggolan potrebbe fiondarsi qualche squadre della Premier o del campionato cinese. Già all’epoca della Roma diverse società si fecero avanti per il “Ninja”.

Questo provvedimento potrebbe avere, per il centrocampista, delle conseguenze piuttosto serie. Il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, rischia di perdere il calciatore fortemente richiesto in estero mettendo in disparte, di fatto, la questione del giovane promettente Zaniolo.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.