Brusaferro: “Cominciare a pensare a una fase 2”

Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro lancia segnali di ottimismo dopo l'ultimo bollettino.

Brusaferro
Foto: Il Messaggero

Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro lancia segnali di ottimismo dopo l’ultimo bollettino. “Dovremmo cominciare a pensare a una fase 2, che si può pensare se questi dati si confermano”.

Le parole di Brusaferro

La curva ha iniziato la discesa. Anche il numero dei morti, che è un altro dato importante, anche se si riferisce a chi ha contratto l’infezione due settimane fa. Tutto il sistema sta quindi portando a un rallentamento significativo della diffusione. E’ l’unico requisito che ci consente di considerare misure alternative, necessarie alla nostra vita, ma che devono al contempo mantenere il numero di infezioni sotto la soglia del famoso R0 uguale a 1, ma soprattutto contenerle al massimo possibile. Questo dato positivo, che ci aspettiamo possa essere confermato nei prossimi giorni, va conquistato giorno dopo giorno. Ci indica che le misure adottate sono efficaci ma è importante mantenere rispetto e attenzione”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.