Tatuaggi, tre colori ritirati dal mercato: sono cancerogeni

Il Ministero della Salute ha reso pubblici tre specifici avvisi per togliere dal mercato tre tipologie di colori utilizzati; contengono sostanze molto dannose per l'uomo.

Tatuaggi cancerogeni
Tatuaggi cancerogeni

Tempi duri per i tatuatori disattenti o negligenti. Il Ministero della Salute ha reso pubblici tre specifici avvisi per togliere dal mercato tre tipologie di colori utilizzati; contengono sostanze molto dannose per l’uomo. Nello specifico si tratterebbe di sostanze cancerogene e sono presenti, secondo l’avviso ministeriale, nelle tipologie di colore “Green Beret”, “Sailor Jerry Red” e “Black Mamba”.

Tatuaggi cancerogeni

Le analisi sui campioni di questi pigmenti standardizzati con suadenti nomi hanno evidenziato la presenza di sostanze chimiche che gli avvisi di sicurezza specifici indicano come capaci di incentivare neoplasie maligne. Nello specifico si tratta di un tipo di rosso (SJR) importato da una ditta di Venezia, precisamente a Campolongo Maggiore, che aveva chiuso l’attività nel 2017. I quel pigmento c’è Anisidina. Per quanto riguarda il verde di GB le controindicazioni sono simili e incrementate dalla presenza di altri pigmenti non conformi alla Risoluzione europea del 2008. Stesso produttore ma non vi sono specifiche sull’importatore. Idem dicasi per il nero del BM, che si accoda agli altri nel veto assoluto ed illimitato temporalmente su scala nazionale.

La pratica del tattoo ha trovato in Italia un vero boom con l’anno aureo del 2017: oltre il 13% delle donne e più dell’11% degli uomini ha su una parte del corpo le vestigia dell’antica pratica Tattow, voce onomatopeica del rumore che i bastoncini di legno picchettati sull’ago facevano nell’andare a bucare la pelle secondo gli appunti di viaggio raccolti da James Cook a Thaiti nel 1769. Abbiamo insomma una pelle sempre più decorata e, per estensione, sempre più esposta a rischi legati all’utilizzo di sostanze messe al bando. Per chi avesse in animo di fare un tatuaggio, il primo o l’ennesimo, è bene chiedere di non utilizzare i prodotti sopra citati e consultare il sito del ministero alla pagina http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_3.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=avvisi

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.