Vaccini, Ministero della Salute replica a Salvini: “Nessuna proroga”

Lettera del Vicepremier, Matteo Salvini, indirizzata al Ministro della Salute Giulia Grillo. Al centro il tema dei vaccini e le scuole.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (foto Facebook)

Matteo Salvini, il Ministro dell’Interno, ha richiesto un decreto legge d’urgenza con l’intento di far slittare l’attuazione dell’obbligo sui vaccini. La richiesta dell’esponente della Lega è stata indirizzata al Ministro della Sanità Giulia Grillo.

L’idea di Salvini

L’ultima data utile, entro la quale i genitori devono presentare nelle scuole le documentazioni con le avvenute vaccinazioni, è fissata per domenica 10 marzo. La riforma, varata nel 2017, prese piede con l’allora Ministro Beatrice Lorenzin. Fino a oggi i bambini sono stati accolti a scuola anche con la sola autocertificazione. Nonostante i numeri in rialzo, riguardanti le vaccinazioni, numerose sono le notizie di famiglie denunciate per aver presentato false certificazioni.

Scontro tra partiti sul tema delle vaccinazioni

In seno ai partiti in carica al Governo, e non solo, tiene banco il tema delle vaccinazioni. Determinare una scadenza, a pochi mesi dal termine dell’anno scolastico, sarebbe un elemento che potrebbe comportare l’allontanamento dei piccoli non vaccinati, con tutte le conseguenze psicologiche del caso.

La smentita del Ministero della Salute

Ma dal Ministero della Salute arriva la smentita: non ci sarà “nessun provvedimento” urgente per estendere la possibilità di autocertificare le vaccinazioni e consentire così di rimanere a scuola ai bambini le cui famiglie non hanno ancora presentato la documentazione attestante le profilassi.
Rimane valido, dunque, il termine del 10 marzo per presentare le certificazioni di avvenuta vaccinazione dei figli per la frequenza di

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.