Trump: “Io non volevo creare panico”

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha risposto all’accusa di aver minimizzato in pubblico la pericolosità del coronavirus. “Non volevo creare il panico”.

Le parole di Trump

Non volevo portare questo Paese e il mondo nel delirio. Volevamo mostrare fiducia. Possiamo dimostrare di essere forti. Il lavoro che abbiamo fatto è stato incredibile. Ma non vogliamo instillare il panico. Non volevamo saltare da una parte all’altra e iniziare a gridare che avevamo un problema, che è un problema enorme, facendo spaventare tutti. Penso che da ogni punto di vista abbiamo fatto un lavoro incredibile”, ha concluso Trump.

Le parole di Berlusconi

Telefonata a sorpresa del presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, che ha chiamato i senatori di Fi, riuniti a palazzo Madama. “ll Covid è una malattia insidiosa e infernale ma la sto combattendo per tornare presto a casa e a fare campagna elettorale. E’ un voto molto importante, io sono con voi, Forza Italia è e resta essenziale per il Paese. Siamo la forza più europeista della coalizione di centrodestra, portatrice dei valori del Ppe. Dobbiamo impegnarci per la campagna elettorale, ho già chiamato tutti i coordinatori regionali azzurri nelle sette Regioni in cui si andrà al voto a settembre. Chi non va a votare è colpevole se poi al governo arrivano degli incapaci e degli irresponsabili…. Il mio tampone risultato positivo, mi hanno detto i medici, era il numero uno per carica virale. Questa è la conferma che io sono il numero uno”, ha concluso Berlusconi.

Le parole della Azzolina

La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha parlato ancora nell’Informativa al Senato. “Siamo consapevoli del fatto che il rischio zero non esista, anche a scuola. Proprio per questo sarà fondamentale il senso di responsabilità di ciascuno e il rispetto delle Linee guida e dei Protocolli emanati insieme alle competenti autorità sanitarie. Il Governo in questi mesi, ha sempre lavorato nell’ottica di valorizzare e ascoltare il contributo di tutti, rispondendo e dando sostanza ad un mandato parlamentare chiaro: far ripartire l’attivita’ delle scuole in sicurezza”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.