Sileri: “Più di 300mila tamponi al giorno”

Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, ha fatto il punto della situazione durante un'intervista a Rai Radio 1, parlando in particolare di tamponi.

Sileri
Foto. Twitter

Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, ha fatto il punto della situazione durante un’intervista a Rai Radio 1, parlando in particolare di tamponi.

Le parole di Sileri

“Sui tamponi si sta facendo sempre di più, il numero sta crescendo. Ma durante la stagione autunnale e invernale gireranno altri virus e sarà necessario avere una potenza di fuoco maggiore. Si può arrivare a 300mila test al giorno e forse qualcosa di più nelle prossime settimane, non serve oggi”, ha concluso.

Le parole di Fedriga

Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli Venezia Giulia, durante un’intervista a Rai Radio 1 ha parlato della scuola. “La riapertura il 16 settembre? La nostra è una scelta di carattere organizzativo, non è una scelta politica. Ci siamo confrontati con l’assessorato e l’ufficio scolastico regionale e abbiamo preso questa strada, non c’entra iniziare prima o dopo il referendum. “Quanto ai trasporti, ritengo l’intesa accettabile rispetto alle indicazioni iniziali molto rigide del governo e del Cts. E’ stato raggiunto un punto di equilibrio che consente la ripresa delle scuole e agli studenti di arrivare negli istituti. In ogni caso, in Friuli Venezia Giulia da due mesi abbiamo il cento per cento di utilizzo di Tpl, compresi gli autobus. In una città come Trieste, abbiamo avuto zero aumento di contagi rispetto ad altri territori con utilizzo di mascherine. Mi sentirei relativamente sicuro rispetto alla misura prudenziale adottata”.

Mezzi pubblici

“Chi controllerà gli studenti sui mezzi pubblici? Inutile continuare a cambiare regole, facciamo rispettare quelle che ci sono. Le aziende del trasporto, coordinandosi con prefetture e comuni, possono intensificare i controlli. Noi come Regione non abbiamo un corpo che può farli. Chi non rispetta le regole deve essere duramente sanzionato, nella mia regione abbiamo cercato di tenere delle regole applicabili ma bisogna farle rispettare altrimenti il sistema salta”, ha poi aggiunto.