Onu: “Priorità alla riapertura scuole”

Video messaggio del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres. "Esorto tutti i Paesi a dare priorità alla riapertura delle loro scuole".

Onu senza soldi, stipendi a rischio
Onu senza soldi, stipendi a rischio

Video messaggio del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres. “Esorto tutti i Paesi a dare priorità alla riapertura delle loro scuole, una volta controllata la diffusione locale del coronavirus. Chiusure prolungate comportano il rischio di una catastrofe generazionale”.

Le parole dell’Onu

“Viviamo in un momento decisivo per bambini e giovani in tutto il mondo. Le decisioni che i governi prenderanno ora avranno un effetto duraturo per decenni su centinaia di milioni di giovani, nonché sulle prospettive di sviluppo dei Paesi. Ora stiamo affrontando una catastrofe generazionale che potrebbe sprecare un potenziale umano indicibile, minare decenni di progressi e aggravare disuguaglianze radicate”.

Le parole della Azzolina

Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è intervenuto a Uno Mattina, in merito alla possibilità di lezioni a distanza. “A settembre dobbiamo tornare tutti a scuola in presenza. La didattica digitale e’ stata pensata per le scuole superiori e si può prevedere anche per un giorno a settimana, ma e’ un esempio e comunque sarebbe solo per ragazzi dai 14 anni in su”.

Scuola

La didattica a distanza è stata ‘inventata’ durante il lockdown, è stata una grande sperimentazione. A settembre dobbiamo tornare tutti in presenza e la didattica a distanza è stata ipotizzata solo per i ragazzi più grandi, dai 14 anni in su come complementare. Il nostro obiettivo è riportare tutti in presenza. Il concorso straordinario, per 32mila posti, si svolgerà nella prima settimana di ottobre o giù di lì. In un Paese civile i concorsi andrebbero fatti ogni due anni, come succede in Europa. L’obiettivo é svolgere questi concorsi e programmare il fabbisogno. Il concorso straordinario é per 32mila posti e verrà fatto a breve, entro la prima settimana di ottobre o giù di lì. E’ importante perché darà stabilità ai nostri docenti e ai nostri studenti. Oggi scade la domanda per il concorso ordinario. Se oggi soffriamo di ‘supplentite’ è perché è mancata la programmazione”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.