Salvini: “Stato emergenza, faremo ricorso”

Il leader della Lega Matteo Salvini non ci sta. "Le prerogative del Parlamento sono state lese e perfino usurpate dal governo".

Salvini
Foto: Twitter

Il leader della Lega Matteo Salvini non ci sta. “Le prerogative del Parlamento sono state lese e perfino usurpate dal governo. Non intendiamo accettare tutto questo. Proporremo ricorso alla Corte costituzionale e impugneremo in ogni sede il provvedimento di proroga dello stato di emergenza. Siamo pronti a tutto per difendere l’Italia e la democrazia e siamo sicuri che lo faremo insieme agli amici di tutto il centrodestra”.

Le parole di Salvini

Dopo la giornata a Lampedusa, Matteo Salvini aveva parlato all’Adnkronos. “In tempo di virus gli ultimi focolai sono tutti arrivati grazie ai migranti. La politica di questo governo è doppiamente criminale. La politica dei porti aperti del governo è assolutamente criminale. Sono quadruplicati gli sbarchi rispetto all’anno scorso”. Salvini aveva fatto visita alla novantenne Rosa Policardo. “Ci siamo commossi entrambi. Abbiamo pianto, la signora è stata commovente, mi ha raccontato di quando andava a pulire le caserme dei carabinieri e della finanza. I figli e i nipoti, che lavorano nel turismo, mi hanno detto cosi non si può andare avanti. La situazione è insostenibile”.

Lampedusa

Ho trovato una situazione difficile, ci sono 800 persone invece di 190 e quindi.. quasi tutti adulti, maschi, giovani e in forma. Belli robusti, bimbi non più di una ventina, donne una quarantina. Non sono naufraghi, c’è traffico di esseri umani di cui il Governo italiano è complice in maniera criminale. Sono a Lampedusa per dire agli italiani che è un’isola stupenda e merita di essere punto di riferimento per le vacanze perché la gente è ospitale. Mi dicono che i migranti sono in giro per il paese senza precauzioni e quindi le disdette ci sono. Qualche giorno fa qui è venuto il ministro Lamorgese, sa quello che succede, evidentemente non vuole fare nulla. Io segnalerò e documenterò che sono accampati in condizioni igieniche discutibili…”.

Andrea Gussoni
Nato il 28 gennaio 1986, fin dai tempi dei miei studi ho seguito le mie passioni, prima diplomandomi al liceo linguistico Virgilio e poi laureandomi in Psicologia delle Comunicazioni. Ho iniziato a lavorare come giornalista sportivo nel 2008 ma negli anni ho ampliato i miei orizzonti, professionali e non.