Casellati: “Scuola, un caos inspiegabile”

La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, in un'intervista al Messaggero, attacca. "Sulla riapertura delle scuole resta un caos inspiegabile".

Casellati
Foto: Twitter

La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, in un’intervista al Messaggero, attacca. “Sulla riapertura delle scuole resta un caos inspiegabile. Tutti gli studenti in classe a settembre è un imperativo categorico. Scuola non è solamente didattica al computer, ma è crescita educativa, culturale e sociale”.

Le parole della Casellati

“La scuola è fatta di aule e di incontri, dialogo e relazione tra studenti e docenti. Ci devono essere subito regole certe ed eguali per tutti. E la responsabilità del governo non puo’ essere scaricata sui presidi. Così rischiamo la catastrofe, creando inaccettabili diseguaglianze e discriminazioni tra studenti di seria A e studenti di serie B. Sono state riaperte tutte le attività produttive, le spiagge, i teatri e i musei. Soltanto per le scuole, che sono una priorità assoluta per il Paese, rimane un caos inspiegabile”.

Le parole della Azzolina

Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ospite della trasmissione ‘Agorà’ di RaiTre, intanto ha ribadito il concetto. “Il 14 settembre si tornerà a scuola. Con maggioranza si lavora insieme, dalle opposizioni meno propaganda c’è e più faremo contente le famiglie. Le polemiche sui banchi? Abbiamo chiesto ai dirigenti scolastici di dirci di quale tipologia di banco hanno bisogno: la gara sarà europea, vedremo quali aziende parteciperanno. Lasciateci lavorare: meno polemica perché non serve e terrorizza le famiglie. “Il problema delle cattedre scoperte è atavico nella scuola italiana. La scuola ha mancato di programmazione, i concorsi vanno programmati e questo lavoro non è mai stato fatto. Abbiamo bandito concorsi per 78mila persone, nella pubblica amministrazione si entra tramite concorso. So che tantissimi precari il concorso lo vogliono, anche il Quirinale ha un giudizio favorevole. Supplenti assunti per titolo? L’assunzione per titoli non è rispettosa della Costituzione, su questo allo stesso modo in tanti nella maggioranza”.