Per Cassese il decreto semplificazioni fa promesse a vanvera

Per Cassese il decreto semplificazioni fa promesse a vanvera. Grave l'ennesimo varo salvo intese, dice il costituzionalista

Il Dl semplificazioni? Per Cassese promette a vanvera. “Grave l’ennesimo varo ‘Salvo Intese’. Non si decide piùin Consiglio ma nei partiti”. E’ pesantel’accusa lanciata dal costituzionalista Sabino Cassese, nell’intervista rilasciata al Messaggero.

Il Dl semplificazioni? Per Cassese promette a vanvera

Per Cassese, non è grave solo il “salvo intese”, che “vuol dire che non c’è accordo e che si raggiungerà successivamente“, ma quel che è peggio semmai è che “nel Consiglio dei ministri non vengono veramente discussi i temi normativi, che sono preparati altrove” e cioè “negli incontri tra rappresentanti dei partiti”.

Se tutto avvenisse nella sede competente, prosegue Cassese, “il risultato sarebbe ben altro”, mentre bisogna constatare “l’abdicazione del Parlamento che non svolge più la sua funzione legislativa e si limita a legiferare negli interstizi”. Quanto ai contenuti del decreto Semplificazioni, secondo Cassese, “promette molto e mantiene poco“.