Secondo La Russa Conte governa coi decreti “come nel Ventennio”

Secondo La Russa Conte governa coi decreti "come nel Ventennio". Ma il senatore di Fdi ammette che finché i numeri ci sono il Colle non scioglierà le camere

Secondo La Russa Conte governa coi decreti “come nel Ventennio”. Due giorni dopo la manifestazione del centrodestra, il suo bilancio è che “meglio piazze piene che vuote, ma non è un’equazione a prova di bomba”. Lo ammette in un’intervista a la Verità il senatore di Fdi Ignazio La Russa, che aggiunge: “Ma abbiamo voluto rispettare la massima prudenza: lo sapete che il contagio colpisce solo le manifestazioni contro il Governo? Questo coronavirus dev’essere allineato a sinistra”.

Secondo La Russa Conte governa coi decreti “come nel Ventennio”

Quanto al voto nelle regioni, “una vittoria per 4-2 alle Regionali metterebbe in difficoltà il Governo – continua il vicepresidente del Senato -, magari proverebbero a valorizzare il successo ottenuto in qualche comune sperduto. Un 5-1 li metterebbe knockout”. Elezioni politiche a inizio 2021? Per La Russa il Quirinale “non accetterebbe una trattativa del genere e non gliene faccio una colpa: da troppo tempo viene data una interpretazione basata solo sui numeri in Parlamento”. Tuttavia il governo è in difficoltà, anche sui numeri a palazzo Madama.

“Spetta al capo dello Stato, – riconosce – ma finché ci sono i numeri alla Camera e al Senato, non si scioglie il Parlamento. Però diciamo che mi piacerebbe vedere cosa succederebbe in una situazione a parti invertite, con un presidente espresso dal centrodestra. Ormai si votano solo fiducie su decreti. Situazione curiosa: nel Ventennio i decreti erano la regola e le leggi un’eccezione. Ora nella Costituzione ci sarebbe scritto il contrario. E invece…”.